Mercoledì 27 Ottobre, aggiornato alle 15:58

Meteo ad Alghero: Meteo Alghero

Punta Giglio – Giovanni Oliva risponde a Marco Tedde: Se sei ancora convinto aderisci al Comitato

Punta Giglio – Giovanni Oliva risponde a Marco Tedde: Se sei ancora convinto aderisci al Comitato

L’ex Sindaco di Alghero Marco Tedde, dopo la “Giravolta olimpionica di Tozzi che oggi ammette  che a Punta Giglio non ci saranno ecomostri, ma che l’errore è stato mettere a bando la struttura”, ha commentato ieri  le ultime dichiarazioni di Tozzi, che in un pezzo a sua firma pubblicato su La Stampa aveva definito il progetto di Punta Giglio un ecomostro e oggi invece lo assolve (LEGGI).  Si interrogava :“Ma chi risarcirà i danni all’immagine causati al Parco di Porto Conte e al sistema turistico algherese da quelle improvvide dichiarazioni? Marco Tedde ribadisce che “non servono polemiche tanto inutili quanto stucchevoli tese a chiudere le porte della stalla quando i buoi sono scappati” (LEGGI). Marco Tedde accusa e  chiede dove fossero i partiti “allorché nel 2017 l’Agenzia del Demanio pubblicò il bando e nel luglio del 2018 la postazione antiaerea di Punta Giglio venne affidata gratuitamente in concessione per nove anni più nove ad una cooperativa. Solo Forza Italia allora protestò duramente (LEGGI)

La risposta alla domanda dell’ex Sindaco Marco Tedde arriva a  stretto giro da Giovanni Oliva, l’architetto ambientalista Algherese, che sulla vicenda ormai si spende totalmente (LEGGI).

“Caro Marco Tedde – afferma Oliva – i gravi danni d’immagine li avete provocati voi che per tanti anni avete mal amministrato la nostra città. Ti dice nulla la marea gialla sul nostro litorale provocata dalla sciagurata scelta di realizzare a San Marco il nostro depuratore, senza valutare bene tutte le conseguenze di quella demenziale decisione? Dove eri tu allora? Se ora sei convinto che bisognasse da prima bloccare l’intervento a Punta Giglio, beh, sei ancora in tempo, aderisci con un po’ d’umiltà al Comitato cui hanno dato vita migliaia di tuoi concittadini e datti da fare perchè Punta Giglio ritorni Libera da attività che l’ISPRA ha giudicato pregiudizievoli per la tutela della BIODIVERSITA’ protetta”.

Un botta e risposta che restituisce ancora il livello della polemica altissimo. Fra forze politiche attive nella gestione amministrativa della nostra città, e chi si oppone costituitosi in Comitato, la rottura è totale. Non c’è dialogo, non c’è un punto d’incontro, c’è una contrapposizione totale, e nonostante si sottolinei un errore iniziale della vicenda, come sottolinea Marco Tedde ” Lo Stato sbagliò allorché nel 2017 decise di affidare le strutture ai privati. “Ma lo fece nel silenzio complice di troppi, oggi vanamente ciarlieri .”

Foto Naitana

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi