Martedì 28 Maggio, aggiornato alle 22:26

L’Opinione di Giovanni Spano (GPPPA): Ospedale a Mamuntanas, quando la politica travalica la realtà

L’Opinione di Giovanni Spano (GPPPA): Ospedale a Mamuntanas, quando la politica travalica la realtà

“La conclusione della Legislatura regionale, marcata Solinas, ha regalato al fotofinish una serie di provvedimenti ancora non tutti conosciuti ai più.

In questo turbinio amministrativo anche Alghero è stata coinvolta e in un tema delicato come la sanità.

Stante l’esigenza di visibilità elettorale o di assicurare determinati bacini di consenso, ecco che dal cilindro di una Giunta morente, usciva fuori una specifica determina volta a stabilire a Mamunatanas la collocazione di un nuovo ospedale che superasse i presidii esistenti in città.

Tutto questo lascerebbe perplessi considerando la collocazione, le vie di comunicazione e di collegamento difficoltose,  l’assenza di aree urbane limitrofe al costituendo nosocomio, ma nella conclusione di un’esperienza politica segnata dalla facilità all’annuncio e al poco lungimirante amministrare, niente deve stupire.

Questa scelta piombata dall’alto, rappresenta per Alghero l’ennesimo schiaffo ricevuto in tema di sanità, usata per troppo tempo come un feticcio ad uso e consumo propagandistico.

Per il nuovo ospedale l’unica scelta che aveva una ragione d’essere era quella tracciata dall’allora Giunta Comunale Tedde che con il Consiglio Comunale aveva fatto in modo di apportare specifiche modifiche urbanistiche nell’area limitrofa alla all’ospedale Civile, che avrebbe dovuto costituire quella designata per l’edificazione di un presidio ospedaliero che riorganizzasse quelli esistenti.

Ancora oggi, a modesto avviso, essa rappresenta ancora l’unica soluzione possibile.

Qualsiasi ospedale pubblico non può essere collocato in mezzo al nulla, ma necessita dei servizi di supporto, specie per le esigenze dell’utenza, che solo l’area urbana può dare.

Partendo dal caso in questione resta da fare una seria riflessione su un certo modo di far politica che piega e distorce la realtà, proiettandola in un universo parallelo fatto di mirabolanti promesse.

Se in questi 5 anni ad Alghero non siano state avallate scelte più scellerate lo si deve a qualche forza politica che dinnanzi ad esse ha opposto il buonsenso.

La nostra Città non può essere ostaggio di questo tipo di politica cialtronesca, che solo qualche decennio fa era impensabile si potesse avere.

Alghero deve trovare la forza di costituire un nuovo progetto politico che, senza gettare alle ortiche le pregresse esperienze, sia in grafo di ridare fiducia ad un territorio smarrito.

Il lavoro da fare è tanto in tema di occupazione, perdita di popolazione giovane, problematiche di collegamenti aerei e ripristino della legalità (considerando l’ultimo episodio incendiario).

Pertanto le prossime elezioni amministrative non possono rivedere in scena il solito copione, ma devono essere fucina di persone che sappiano amministrare un bene inestimabile come la Casa degli algheresi.

Non spendo tempo nel parlare della Giunta uscente, che salvo alcune personalità, ha dimostrato molto poco sul piano pratico, ma certo è che altri 5 anni di nulla non possiamo tollerarli.

Appellandomi a chi seriamente tiene al bene della Città, chiedo che condivida la necessità di riportare la politica locale alla serietà, che passa anche dall’autocritica e da porre fine alla mera logica del muro contro muro, che ultimamente non porta bene manco in termini elettorali.

Un amministratore locale o comunque politico con ruoli istituzionali deve mantenere un dialogo con il territorio, senza avvertire le critiche come un mero fastidio.

Gli infallibili, conti alla mano, non esistono”.

Dott. GIOVANNI BALDASSARRE SPANO, GRUPPO PODER POPULAR PER ALGHERO

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi