Mercoledì 10 Agosto, aggiornato alle 15:51

Ospedale Marino di Alghero, Tedde (F.I) non molla: Occorre retrocedere la struttura all’ASL come per il Microcitemico che verrà accorpato al Brotzu

Ospedale Marino di Alghero, Tedde (F.I) non molla: Occorre retrocedere la struttura all’ASL come per il Microcitemico che verrà accorpato al Brotzu

Ospedale Marino di Alghero, Tedde (F.I): bene i capigruppo di maggioranza. Occorre retrocedere la struttura all’Azienda Sanitaria seguendo la stessa strada del Microcitemico che verrà di nuovo accorpato al Brotzu.

 Alghero, 05 agosto 2022 – “L’intervento dei capigruppo di maggioranza di Alghero, che alla luce delle criticità funzionali del Marino ne chiedono la retrocessione all’Azienda Sanitaria, oltre che coraggioso è in linea con le esigenze sanitarie del territorio e caratterizza la maggioranza per il grande senso di responsabilità ” Così il consigliere regionale Marco Tedde commenta la presa di posizione dei capigruppo di maggioranza che chiedono anche essi la retrocessione del Marino dalla Azienda Ospedaliera Universitaria alla Azienda sanitaria.

Era stato l’ex sindaco di Alghero a “perorare la causa” della retrocessione (LEGGI) a causa delle criticità che impediscono al Marino di esprimere tutte le sue potenzialità.  “Credo che la retrocessione del Marino all’Azienda Sanitaria possa essere definita nel medesimo contesto legislativo che consentirà il ritorno del Microcitemico al Brotzu -sottolinea Tedde-.”

E’ notizia di ieri che la Commissione sanità del Consiglio regionale ha deciso di proporre la modifica della  norma della legge regionale 24 del 2020 di riforma della sanità sarda che aveva indirizzato il Microcitemico verso l’ASL 8. “Poiché si tratta della modifica dell’art. 18 della riforma, che aveva trasferito anche il Marino all’AOU, nello stesso contesto si può retrocedere con un “tratto di penna” anche il Marino all’Azienda sanitaria -precisa l’esponente di F.I.”.

Secondo l’ex sindaco di Alghero è’ evidente che occorre un atto di onestà intellettuale e di proposta che pur prendendo atto dei cospicui finanziamenti regionali che produrranno i loro frutti nel tempo, oggi ammetta le criticità funzionali della struttura. “Se è pur vero che le criticità del Marino hanno origine nella precedente legislatura, è altrettanto vero che è dovere di chi governa oggi affrontare e risolvere i problemi, senza voltare il capo all’indietro -chiude Tedde-.”

Una presa di posizione chiaraissima. E le affermazioni di Marco Tedde fornisco persino una spiegazione a chi, nelle corse ore aveva obiettato che la strada da percorrere era irta e difficoltosa, posto che si doveva modificare un articolo, il n.18, della Legge Regionale di Riforma del Servizio Sanitario Regionale. Allora visto che di fatto i giochi si riaprono per il Microcitemico di Cagliari, anche per il Marino di Alghero è possibile intervenire con un “tratto di penna“. Della qual cosa non ci sono dubbi.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi