Giovedì 25 Luglio, aggiornato alle 13:57

Quasi una tonnellata di rifiuti recuperate a terra e a mare questa mattina a Puliamo la Sella!

Quasi una tonnellata di rifiuti recuperate a terra e a mare questa mattina a Puliamo la Sella!

Cagliari, 15/06/2024 – Quasi una tonnellata di rifiuti recuperate a terra e a mare ieri mattina a Puliamo la Sella! a Cagliari. Plastiche, attrezzature da mare, come un’intera barca recuperata a pezzi e oggetti bizzarri come delle gambe finte, schermi pc, materiale edile, sono stati raccolti a Puliamo la Sella! da 200 volontari sabato mattina, nel tradizionale evento di clean up organizzato dalla Fondazione MEDSEA, in collaborazione con numerose associazioni sportive acquatiche e non che operano al Poetto.

 

La rimozione collettiva dei rifiuti a mare e a terra, partita da Marina Piccola ed estesa lungo la costa cagliaritana, è stata sfidata quest’anno dalle condizioni meteo marine avverse, caratterizzate da raffiche di scirocco e mare mosso. Tuttavia, nonostante queste difficoltà, la raccolta dei rifiuti è stata in linea con gli anni precedenti, come hanno fatto sapere gli organizzatori con una tonnellata circa di rifiuti rimossi. “Questo evento annuale nella città di Cagliari nasce con lo scopo di promuovere il rispetto per gli habitat marini e costieri – spiega Piera Pala, presidente della Fondazione MEDSEA –  Circa l’80% della plastica che si trova nei mari proviene da una gestione inadeguata dei rifiuti a terra, dovuta soprattutto alla limitata capacità di riutilizzare e riciclare i materiali plastici*.

 

La sesta edizione di Puliamo la Sella! è stata dedicata agli amici Cetacei, mammiferi marini che – come molte altre specie – sono  fortemente minacciati dall’inquinamento marino dalla plastica. Per l’occasione, Laura Pintore, Marine Wildlife Expert WWF Italia, ha tenuto un approfondimento a margine dell’evento. A livello Mediterraneo, “il 75% delle specie di cetacei è considerato minacciato – racconta Pintore – Uno scenario che evidenzia la necessità urgente di intraprendere “interventi di conservazione per proteggere queste specie iconiche dagli impatti antropici come il rischio di collisioni con l’elevato traffico marittimo, l’intrappolamento in attrezzi da pesca (bycatch) l’inquinamento acustico, da plastica e chimico, e infine l’effetto dei cambiamenti climatici”.

 

Durante l’evento, MEDSEA e WWF Italia hanno annunciato una nuova collaborazione sancita recentemente dalla sottoscrizione di memorandum di intenti che mira a rafforzare l’impegno comune per la tutela e la valorizzazione degli ecosistemi marino-costieri della Sardegna attraverso iniziative di ricerca, educazione ambientale e gestione sostenibile delle risorse naturali. Tra queste, la protezione dei cetacei attraverso progetti di monitoraggio e ricerca, standardizzazione dei protocolli di osservazione, sviluppo di strumenti di gestione per le Aree Marine Protette, promozione di attività e di whale watching responsabili e la diffusione di conoscenze sulla biodiversità.

 

L’edizione 2024 è stata patrocinata dalla RAS – Regione Autonoma della Sardegna -, Comune di Cagliari e dalla Rete regionale per la conservazione della fauna marina, con il supporto di Tuttigiorni, supermercati sardi impegnati nella riduzione della plastica, e di Motomar Sarda.

 

La raccolta finale dei rifiuti è avvenuta in collaborazione con il Comune di Cagliari e la De Vizia.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi