Domenica 3 Marzo, aggiornato alle 19:14

L’opposizione all’attacco di Conoci: Il tema è il Carnevale, ma fatto grave il Sindaco vuole distruggere anche la Fondazione Alghero. Ritiri la Delibera

L’opposizione all’attacco di Conoci: Il tema è il Carnevale, ma fatto grave il Sindaco vuole distruggere anche la Fondazione Alghero. Ritiri la Delibera

Ieri il nostro articolo si titolava Lo Carraxiali de l’Alguer diventa un caso, convocato il Cda della Fondazione, il programma degli eventi lo approverà la Giunta (LEGGI),   e trattavamo proprio il cortocircuito avvenuto  fra Fondazione Alghero e Giunta Comunale presideduta dal Sindaco Conoci. Oggi è la volta dell’opposizione in Consiglio Comunale che  con una nota a firma dei consiglieri dei gruppi consiliari di opposizione Per Alghero, Futuro Comune Sinistra in comune, PD e M5Stelle scrive:

“Conoci getti la maschera. Il tema è il carnevale. Ma il fatto è serio e il precedente grave: il Sindaco vuole distruggere anche la Fondazione Alghero. E’ una delle poche realtà che ancora funziona e rappresenta un modello per tante altre città. Forse proprio perché sindaco e giunta finora non ci hanno messo mano.

Non tenti Mario Conoci di assoggettare al suo volere le decisioni che per Statuto spettano al Consiglio di Amministrazione, magari per ripicca contro una forza politica non allineata che oggi ne detiene la guida.

Tra l’altro, la delibera n. 1 dell’anno della Giunta (LEGGI), con la quale viene convocato il cda della Fondazione alla presenza dell’intero esecutivo comunale, per definire il programma del carnevale, da sottoporre alla successiva approvazione della Giunta, è un’assurdità politica e giuridica. Per tanti motivi.

Innanzitutto, perché l’11 ottobre scorso, alla presenza del Sindaco, il consiglio di amministrazione della Fondazione ha deliberato le attività 2024, compreso il carnevale, prevedendo per ogni macro-intervento la proposizione di una manifestazione d’interesse che, per il Carnevale, è stata regolarmente pubblicata e scade il 23 gennaio prossimo, proprio in attuazione di quella delibera dell’11 ottobre a cui il Sindaco ha preso parte. Si rischia, fra l’altro di allungare un iter che è già abbondantemente in ritardo, alla faccia della declamata programmazione.

E poi, perché è assolutamente fuori dalle previsioni statutarie che nella scorsa consiliatura abbiamo modificato proprio per ampliare le previsioni di vigilanza e controllo da parte del Comune, attenti a salvaguardare l’autonomia della partecipata, e a non favorire ingerenze e commistioni.

La Giunta non può partecipare al CdA, commissariandolo, ne la Fondazione deve sottoporre le sue delibere alla giunta comunale. Al Cda invece è previsto che possa partecipare un delegato dell’Assemblea (oggi il socio unico, Comune), in qualità di osservatore, invitato permanentemente e senza diritto di voto, espresso annualmente dall’assemblea stessa (rappresentata oggi dal Sindaco). Il Comune esprime autorizzazioni solo su una ristretta casistica di operazioni straordinarie della Fondazione, ben dettagliate, non su manifestazioni ed eventi. Ed esprime indirizzi, a cui la Fondazione può anche, motivatamente, non aderire. Garantisce la vigilanza e il controllo analogo attraverso il Comitato di Governance, mentre il CdA della Fondazione nello sviluppare le attività di sua competenza tiene conto degli indirizzi del Comune, ma solo in ordine all’utilizzo ottimale delle risorse e al contenimento della spesa del personale. Temi già deliberati nella seduta del CdA dell’11 ottobre, alla presenza del sindaco, come osservatore.

Si ritiri la delibera n. 1, perché se il buon giorno si vede dal mattino, l’effervescenza elettorale potrebbe creare altri danni, misti a supponenza, arroganza e abuso di potere”, conclude la nota dei consiglieri dei gruppi consiliari di opposizione Per Alghero, Futuro Comune Sinistra in comune, PD e M5Stelle.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi