Domenica 14 Luglio, aggiornato alle 20:57

Il Parco di Porto Conte ha ricevuto le funzioni per svolgere la procedura di VINCA nell’area Parco e non solo

Il Parco di Porto Conte ha ricevuto le funzioni per svolgere la procedura di VINCA nell’area Parco e non solo

E’ pubblica La DELIBERAZIONE N. 27/87 DEL 10.08.2023 che  ha per Oggetto: Attribuzione di funzioni amministrative agli enti gestori di Aree naturali protette ricadenti nella rete Natura 2000. L.R. n. 9/2006, art. 47, commi 3 e 4, come modificata dalla L.R. n. 1/2019. Individuazione degli interventi di valenza comunale e provinciale (LEGGI).

In virtù di questa Delibera il Parco di Porto Conte in quanto ente gestore dei due siti Natura 2000, riceve la delega di autorità competente a svolgere funzioni di Valutazione di Incidenza Ambientale, la cosiddetta VIncA, non solo all’interno del Parco ma persino nelle aree limitrofe.

In questo modo il Parco di Porto Conte aggiunge specifiche competenze gestionali su due siti di natura 2000 ubicati nel nostro territorio, la zona di Capo Caccia con l’Isola Foradada  e l’Isola Piana e Punta Giglio, di fatto gli consete  di svolgere attività istruttorie in materia di valutazione di incidenza ambientale.

Si legge nella Delbera che “ ….la Giunta regionale, con la deliberazione n. 30/51 del 30 settembre 2022, ha definito le risorse da utilizzare come contributo da ripartire tra gli enti territoriali o enti gestori di aree protette, a cura del Servizio Tutela della natura e politiche forestali (di seguito Servizio T.N.P.F.), che presentino caratteristiche che consentano loro di candidarsi per la gestione di un sito Natura 2000 e per l’attuazione delle indicazioni gestionali derivanti dai piani di gestione vigenti o delle misure di conservazione degli habitat e delle specie presenti nei siti Natura 2000, quali interventi attivi, regolamentazioni, monitoraggi, incentivazioni, programmi didattici, studi e valutazioni

Gli Enti beneficiari in conseguenza della loro candidatura e  manifestazione di interesse sono stati

Comune di Villaputzu; – Comune di Nuoro; – Comune di Arbus; – Comune di Carloforte; – Azienda Speciale Parco di Porto Conte; – AMP Penisola del Sinis – Isola di Mal di Ventre Comune di Cabras; – Parco Nazionale dell’Arcipelago di La Maddalena

L’Assessore evidenzia che il sopra citato avviso pubblico e le convenzioni già stipulate prevedono esplicitamente, per i Parchi Nazionali e Regionali e le Aree Marine Protette designati per la gestione del sito Natura 2000 in applicazione dell’art. 47, comma 4, della L.R. 12.6.2006, n. 9, anche il trasferimento delle competenze per lo svolgimento della procedura di V.Inc.A. di cui all’articolo 5 del Decreto del Presidente della Repubblica n. 357 del 1997 e s.m.i., relativa ad interventi di valenza provinciale e comunale, da individuarsi con apposita deliberazione della Giunta regionale. Peraltro, i medesimi enti, in qualità di gestori di aree naturali protette nazionali, già esprimono il proprio parere motivato ai sensi dell’art. 5, comma 7, del D.P.R. 357/1997 s.m.i., in tutti i procedimenti di V.Inc.A., attualmente di competenza regionale.

Insomma un incarico di grande portata, e assume persino una rilevanza notevole si solo si pensa che qualche giorno fa da parte degli ambientalisti d GRIG e Italia nostra, era stata inoltrata una richiesta di accesso agli atti per chiedere se l’intervento di messa in sicurezza dell Falesia di Punta Giglio avesse le valutazione sia della VIA che della VIncA (LEGGI). La delibera spazza via ogni pretesa: il Parco può certificarsi gli interventi che necessitano  di VincA.

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi