Mercoledì 17 Aprile, aggiornato alle 7:52

Christian Mulas :Il granchio killer Alieno sta proliferando nella laguna del Calik , allarme dei pescatori. Parco di Porto Conte assente

Christian Mulas :Il granchio killer Alieno sta proliferando nella laguna del Calik , allarme dei pescatori. Parco di Porto Conte assente

“Il granchio killer Alieno sta proliferando nella laguna del Calik ,allarme dei pescatori- è Christian Mulas che lancia l’allarme, dopo che ieri noi abbiamo trattato il problema( LEGGI). La notizia è di grande attualità, che merita  molta attenzione ( che ancora ad Alghero non ha). Un nostro concittadino nelle acque di Punta Negra ad Alghero, ha pescato nel corso di una nuotata in apnea, un granchio blu o granchio azzurro, di buone dimensioni,  e la notizia da noi divulgata ha percorso la città in maniera capillare. Ma non ha sorpreso molti, che da tempo sanno che questo animale prolifera all’interno di uno specchio acqueo di notevole valenza ambientale e non sono: la Laguna del Calich.

Ora se ne occupa il Consigliere dell’Udc Christian Mulas che afferma ancora :
“Il granchio blu in Sardegna si sta diffondendo in maniera capillare, soprattutto nella costa orientale, tra San Teodoro e Orosei. Nelle lagune oristanesi e del Sulcis e ora questa specie, si sta dilagando in maniera capillare nel mare della riviera catalana e soprattutto nelle Laguna del Calick, attaccando e devastando specialmente gli allevamenti di ostriche e cozze, vongole, arselle e uccidendo i pesci come la specie dello sparaglio e divorando gli stessi granchi. Ma negli ultimi due anni anche nella Laguna del Calick ci sono stati diverse catture di questa specie di granchio. Un granchio più grande delle altre specie che abbiamo nel nostro mare. Per molti pescatori il crostaceo è stato sopranominato il granchio alineno killer, una specie di crostaceo di notevoli dimensioni con il carapace largo oltre 20 centimetri di colore scuro, spesso grigio, marrone blu con delle chele enormi, forti,capace di spaccare le cozze, vongole ,arselle e tranciare un pesce
di netto in due con grande facilità. La presenza del crostaceo blu nel Calick sta creando numerosi disagi e portando danni economici non solo all’ecosistema ma anche al comparto dei pescatori. Questo particolare esemplare di granchio, noto per la sua colorazione e voragine crudele verso pesci e crostacei, sta popolando i nostri mari e le nostra laguna favorito anche dalle alte temperature tropicali che ormai stanno aumentando nel mare. Sottolineando che non vi è alcun problema per l’uomo, il granchio blu risulta essere una minaccia perché va a modificare l’ecosistema marino del nostro mare e distrugge tutto ciò che incontra. Esso si ciba di molluschi,crostacei e pesci,competendo fin troppo facilmente con la fauna autoctona. Essendo un predatore forte veloce e vorace nella Laguna Calick non ha predatori che lo possono fermare, per evitare la sua proliferazione ,l’unico predatore che può avere è l’uomo che lo può fermare per evitare i numerosi danni economici ed ecologici che sta già facendo nella Laguna. “Il presidente della commissione consiliare Ambiente Christian Mulas è fortemente preoccupato e critico per questa situazione emergenziale oggi sottovalutata dai vertici del Parco, questo fenomeno sta attanagliando fortemente la Laguna del Calich e gli operatori che ci lavorano, ma sopratutto potrebbe creare dei danni irreversibili all’ecosistema. Non si comprende perché ancora ad oggi , parrebbe, da parte dei vertici del Parco di Porto Conte Aria Marina Protetta non ci sia ancora un progetto per la prevenzione della proliferazione di questa specie cosi pericolosa per l’ecosistema.

Il Presidente della commissione consiliare Ambiente- Mulas dopo  aver letto sul giornale oline “Algherolive”e informato dai pescatori , si è subito recato sul posto per un sopralluogo nella Laguna del Calik, ha constatato i danni che reca il granchio killer, un crostaceo cosi forte che spacca le reti con facilità e scava sotto la sabbia del fondale marino per nascondersi. Nei prossimi giorni il Presidente- Mulas ha confermato che con urgenza convocherà una commissione Ambiente coinvolgendo i pescatori, il Parco e l’Università per trovare una soluzione a questo problema” conclude la nota del Presidente della commissione consiliare Ambiente Christian Mulas


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi