Giovedì 18 Luglio, aggiornato alle 22:11

“Raixe” Il nuovo disco di Matteo Leone S’ardmusic/Egea Music

“Raixe”  Il nuovo disco di Matteo Leone  S’ardmusic/Egea Music

Esce il 23 giugno 2023, dopo un lungo periodo di rielaborazione durato tre anni, il secondo e atteso disco di Matteo Leone, tabarchino doc di Calasetta, vincitore assoluto del Premio Parodi nel 2021 e protagonista applauditissimo lo scorso anno del 42° Festival Internazionale Jazz in Sardegna-European Jazz Expo al Teatro Massimo di Cagliari. Raixe, questo il titolo del disco prodotto – registrato e mixato da Michele Palmas per S’ardmusic e distribuito da Egea Music – è un lavoro in cui Matteo Leone si allontana dall’inglese del blues, scegliendo la sua lingua natale, il tabarchino, emblema della contaminazione tra popoli e culture.

Raixe è un meticciato di stili, timbri, esperienze e alchimie ritmiche che creano uno spazio sonoro unico dove il tabarchino, lingua antica e riconosciuta del Mediterraneo, interseca memoria e presente. I temi e le storie sono quelle ricorrenti nella sua poetica: quelle del cammino e del viaggio, che lo hanno condotto in giro per il mondo; quelle del ricordo e della conservazione delle cose che lo circondano; quelle del desiderio di dialogo tra culture diverse e della volontà indomabile di trovare luoghi in cui vivere. “Non c’è brano che non conduca, chi ascolta, lungo rotte di pura emozione” scrive Massimo Carlotto cui è affidata la vibrante presentazione del disco. La mandòla, la chitarra e altri strumenti occidentali si uniscono a strumenti percussivi sahariani e subsahariani, creando una miscellanea di stili e ritmi di grande fascinazione.

“È stato un disco travagliato, sia dal punto di vista della stesura che dal punto di vista della pubblicazione – commenta Matteo Leone sulle note di copertina -. Un disco che ha avuto diversi cambiamenti, anche se mi piace di più la parola evoluzione. Un progetto che vede le sue prime origini embrionali nel 2018, al ritorno dagli States dove andai a suonare. Avendo realizzato un mio grande sogno, mi sono trovato totalmente privo di interesse creativo: la classica crisi dei 30 anni”.

Una crisi che è però servita a trovare il tempo giusto, le radici musicali giuste. Radici solcate dalle note ruvide della sua chitarra, e accompagnate nel disco dall’eclettismo di artisti come il compositore e performer Arrogalla (Raixe); di Forelock, al secolo Alfredo Puglia, una tra le voci più promettenti della comunità reggae nazionale ed europea (A Zabètta) o di Pierpaolo Vacca, potente specialista dell’organetto (Tra Tera e mò). Dodici tracce che disegnano quindi un ponte ideale tra l’Africa, la Sardegna e il blues e una band consolidata nel tempo con Matteo Dessì alle chitarre elettriche, Stefano Vacca alla batteria, Fabrizio Lai al bouzouki e alle percussioni e Matteo Muntoni al basso e al contrabbasso. Rotte musicali certo, ma soprattutto rotte del cuore, solcate da storie di viaggi e di mari, di donne e di uomini che da sempre cercano un luogo chiamato Casa.

Tra gli ospiti che completano e impreziosiscono il disco: Anna Cardia alla voce; Francesco Bachis, Marco Argiolas, Matteo Floris ai fiati; Vincenzo Mazza alle percussioni; Claudio Corona all’organo Hammond; Davide Campisi e Mimì Sterrantino alle voci e percussioni; Brahim Kahmlichi alla voce; Ivana Busu alla fisarmonica; la banda musicale di Calasetta e il Coro Serenate Calasettane.

Bio

Avviato sin da giovanissimo allo studio della musica, dopo una parentesi di un anno in Mauritania, Matteo dà avvio alla sua formazione nella banda del suo paese, Calasetta, nella sezione percussioni. Continua il suo percorso musicale a Bologna, dove scopre il jazz e le avanguardie. Tornato in Sardegna, si iscrive al Conservatorio di Cagliari per lo studio della batteria jazz. Un lungo viaggio negli State lo avvicina al mondo del blues. Fonda i Don Leone con Donato Cherchi (voce) con cui si impone all’Italian Blues Challenge del 2017, accede alle finali europee 2018 a Hell (Norvegia) e alle semifinali dell’International a Memphis. Vincitore assoluto del Premio Parodi nel 2021 e finalista del Festival Musicultura del 2022, lo scorso anno è stato tra i protagonisti del 42° Festival Internazionale Jazz in Sardegna-European Jazz Expo al Teatro Massimo di Cagliari. La sua lingua narrante è il tabarchino, il dialetto di Calasetta, un misto di ligure, arabo e un pizzico di maltese.

(Foto di Sara Deidda)


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi