Martedì 31 Gennaio, aggiornato alle 23:09

Vendita all’asta dei beni di proprietà del Comune, ecco chi ha comprato. Rimasto invenduto il locale commerciale della Lepanto

Vendita all’asta dei beni di proprietà del Comune, ecco chi ha comprato. Rimasto invenduto il locale commerciale della Lepanto

In seguito alla Procedura di gara mediante asta pubblica per la vendita  di immobili di proprietà del comune di Alghero per l’annualità 2022 , c’è la  approvazione del verbale di gara e aggiudicazione provvisoria agli offerenti che hanno presentato il prezzo migliore rispetto all’importo posto a base d’asta.

Il prezzo offerto dai partecipanti doveva risultare in aumento rispetto al prezzo posto a base d’asta  che come previsto nel Disciplinare di gara,  la valutazione era da demandarsi ad una apposita Commissione giudicatrice composta dall’Ing. Michele Foisa Dirigente del Settore 4 – Pianificazione e Valorizzazione Territorio del Comune di Alghero con funzioni di Presidente, poi dal Geometra Roberto Nulvesu, dall’Architetto. Giuliano Cosseddu e dalla  Ragioniera  Maria Giovanna Ballone .

Entro il termine di presentazione delle offerte sono risultate  pervenute all’Ufficio Protocollo del Comune di Alghero  n. 26 (ventisei) domande di partecipazione.

Si è proceduto a  formalizzare l’aggiudicazione provvisoria dell’alienazione degli immobili comunali che risultano essere  a :
– Sig. Bresciani Mauro  Amministratore Unico della Società SIEC s.r.l. aggiudicatario dell’alienazione dell’immobile di cui al lotto n. 4, fabbricato del lastrico solare del locale commerciale parte dell’ex ristorante La Lepanto” – ubicato in Lungomare Cristoforo Colombo angolo via Carlo Alberto, immobile per il quale è stato offerto  sull’importo a base di gara  € 94.500,00.
– Sig.ra Morra Tiziana aggiudicataria dell’alienazione dell’immobile di cui al lotto n. 7 (posto auto coperto) ubicato in Via F.lli Kennedya per il quale è stato offerto € 13.000,00 ;
– Sig. Molinu Francesco aggiudicatario dell’alienazione dell’immobile di cui al lotto n. 7 (posto auto scoperto) ubicato in Via F.lli Kennedy angolo Via Nazioni Unite, per esso  un’offerta in aumento di € 9.350,00 (euro
– Sig. Cossu Giancarlo Gavino aggiudicatario dell’alienazione dell’immobile di cui al lotto n. 7 (posto auto scoperto) ubicato in Via F.lli Kennedya angolo Via Nazioni per il quale è statA fatta un’offerta in aumento di € 12.251,00

– Sig. Visconti Stefano in qualità di Legale Rappresentante della Società IMMOBILIARE ALBERGHIERA CATALOGNA aggiudicatario dell’alienazione degli immobili di cui al loto n. 8 (post auto scoperti) ubicato in Via Vittorio Veneto n. 39 ,con una offerta in aumento  di €. 68.694.00

– Sig.ra Coinu Antonella dell’alienazione dell’immobile di cui al lotto n. 8 (posto auto scoperto) ubicato in Via Vitorio Veneto n. 39, per  un’offerta in aumento di € 15.200,00;

– Sig. Coghene Rafaele in qualità di Amministratore Unico della Società EDIL COGHENE srl  aggiudicatario dell’alienazione dell’immobile di cui al lotto n. 9, Area edificabile Terreno
in viale Europa snc –  per il quale è stato offerto sull’importo a base di gara di € 580.000,00 un’offerta di € 736.000,00

– Sig. Fois Efsioa aggiudicatario dell’alienazione di Terreni nel Comune di Ossi, per un importo in rialzo di € 8.900,00.

Ora  l’ufficio Demanio e Patrimonio procederà alla verifica del possesso dei requisiti in capo agli aggiudicatari e procederà alla formalizzazione dell’aggiudicazione definitiva a favore dei medesimi.

Dalla Determina pubblicata, risultano non venduti un immobile in Via Roma 18 per  €. 268.600,00 a base d’asta, il locale Commerciale  parte dell’ex ristorante La Lepanto per €. 412.000,00 ( mentre è stato venduto il lastrico solare), un lotto A2 PIP in Località Ungias Galantè, e due lotti di terreno a Ossi, e dei posti auto in Via G.Galilei e in Viale Sardegna.

Insomma gli introiti del Comune si sono attestati intorno al milione di euro (LEGGI), mentre erano a bando e in vendita beni per 1,7 milioni. La parte corposa risulta essere la vendita dei terreni in Viale Europa, con un incremento nell’offerta di 156 mila euro, rispetto ala base d’asta che era attestata su 580 mila euro, infatti l’offerta della Società si è attestata a € 736.000,00.

VEDI DETERMINA Alienazioni det_Verbale_19-12-2022_12-39-06


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi