Venerdì 3 Febbraio, aggiornato alle 23:14

Serata con i corti di Visioni Sarde al Grazia Deledda di La Spezia

Serata con i corti di Visioni Sarde al Grazia Deledda di La Spezia

Il Circolo Grazia Deledda ha rinnovato l’appuntamento con il cinema in sede. I soci in numero crescente colgono la possibilità di ritrovarsi insieme per fruire del cinema prodotto in Sardegna e per riflettere, discutere e confrontarsi sulle varie tematiche proposte dai cortometraggi di Visioni Sarde.

Il cinema in sede è, ormai, diventato a Spezia occasione di fruizione condivisa, un rito di incontro tra i sardi di fuori per ragionare sulla Sardegna di oggi, così come appare nelle immagini veicolate

dai cortometraggi. Una visione collettiva che rafforza, nei soci, il senso di appartenenza e di vicinanza all’isola.

L’incontro in sede serve, tra l’altro, a scongiurare l’isolamento sociale che spinge a consumare il cinema in contesti domestici da soli, davanti alla televisione, al tablet, al computer e allo smartphone.

Quella di lunedì è una serata da trascorrere insieme anche per augurarsi Buon Natale, buone feste e brindare, anche se un po’ in anticipo, all’arrivo del nuovo anno.

In linea con l’atmosfera natalizia è stato organizzato un aperitivo a base dei migliori prodotti sardo – liguri.

Daranno argomenti per il dibattito e la discussione i sette cortometraggi proposti quest’anno dalla Cineteca di Bologna e Sardegna Film Commission.

12 APRILE di Antonello Deidda. Un affascinante viaggio nel futuro dal 1970 al 2020. Dallo scudetto del Cagliari al lockdown della pandemia.

FRADI MIU di Simone Contu. Antonio è un pastore che ha finalmente la possibilità di vendicare il fratello, ucciso anni prima davanti ai suoi occhi.

 

LA VENERE DI MILIS di Giorgia Puliga. Il ritrovamento di un’antica statua costringerà un agricoltore a fare i conti con le donne del passato e del presente.

 

“MAMMARRANCA di Francesco Piras. Nella periferia di Cagliari due bambini trovano in modo rocambolesco un biglietto di un gioco a premi.

 

SANTAMARIA di Andrea Deidda. Negli anni d’oro della boxe, un giovane si prepara al primo incontro della sua carriera.

 

“SENZA TE – WITHOUT YOU” di Sergio Falchi. Una piccola storia sulla solitudine e l’amore in tempi di Covid.

UNA SPLENDIDA FELICITÀ di Simeone Latini. Eleonora ha sedici anni ed è terrorizzata da ciò che la circonda. Troverà forza nella poesia e nelle parole della nonna.

 

L’appuntamento per i soci, parenti e amici è fissato per le 17.30 di lunedì 19 dicembre davanti  al maxi schermo del circolo Grazia Deledda, in via Venezia, 25


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi