Venerdì 27 Gennaio, aggiornato alle 22:50

17^ Giornata per la Custodia del Creato- “Parco Naturale di Porto Conte & Terre del Montiferru: dal Grano, il Pane Quotidiano

17^ Giornata per la Custodia del Creato- “Parco Naturale di Porto Conte & Terre del Montiferru: dal Grano, il Pane Quotidiano

È IL PANE IL PRIMO ALIMENTO PER UNA COMUNITA’

 

 

Mangiare con altri, significa allenarsi alla  condivisione. A tavola si divide ciò che c’è. Quando arriva il vassoio, il primo commensale non può prendere tutto. Egli prende non in base alla propria fame, ma al numero dei commensali, perché tutti possano mangiare. Per questo, mangiare insieme significa allenarsi a diventare dono.”

Così cita il documento dei Vescovi italiani pubblicato in preparazione della 17^ Giornata per la Custodia del Creato.

Nata sotto il pontificato di Giovanni Paolo II, la Giornata  è stata collocata all’interno del Tempo del Creato (1 settembre – 4 ottobre), una iniziativa a suo tempo promossa dal Patriarcato di Costantinopoli.

Per le Chiese del Mondo, questo momento è un invito alla meditazione ed alla riflessione sui beni che la Terra offre all’umanità; sul significato della semina e dei doni che Madre Terra è capace di restituire a fronte del lavoro dell’uomo.

Il contadino si confronta quotidianamente con essa, quasi dialoga  quando pensa a come gettare la semina, piantare, irrigare ed attendere il momento giusto per la raccolta dei frutti.

Il sole, il vento, la pioggia impongono continui adattamenti al lavoro ed alle produzioni dei campi. Tutto ciò richiede sensibilità, competenza, esperienza, professionalità, intelligenza, ottimismo, speranza, fatica e preghiera.

Ma il contadino – seppure, spesso e volentieri, opera da solo – non si trova nella solitudine. È consapevole che tutte le sue fatiche saranno per la famiglia, per i figli da crescere e per tante bocche da sfamare. E quando la tavola imbandita sarà ricolma del frutto dei campi, la preghiera di ringraziamento al Creatore sorge spontanea pur nel silenzio e nella riservatezza di ciascun commensale.

È così che si forma una Comunità di persone: ciascuno mette il proprio dono nella tavola comune.

Un dono la cui ricchezza è data dalla mancanza di limiti di tempo; un dono, cioè, che – pur se non generasse segni di gratitudine al momento – si proietta inevitabilmente nel tempo lasciando in ciascun beneficato i segni della generosità del donatore.

Così è nella famiglia, dove i figli piccoli sono i primi destinatari della solidarietà dei genitori e dei parenti. Da grandi, saranno loro a mostrare tutta la riconoscenza e gratitudine verso genitori e parenti ormai anziani e fragili.

Una solidarietà che si proietta nel tempo. Solidarietà che ancora troviamo diffusa tra le famiglie, nonostante la delicata fase critica che oggi si vive a causa della esaltazione degli individualismi e dei protagonismi personali.

“«Prese il pane, rese grazie»(Lc 22, 19). il tutto nel frammento”. È il tema nazionale proposto per la edizione 2022 della Giornata per la Custodia del Creato.

La nostra Diocesi di Alghero-Bosa, prendendo spunto da questo tema, che è di  invito alla condivisione ed alla comunione materiale e spirituale, adatterà il programma della Giornata sulla doverosa e necessaria solidarietà con le popolazioni del Montiferru e della Planargia, duramente provate dagli incendi verificatisi lo scorso luglio 2021.

“Parco Naturale di Porto Conte & Terre del Montiferru: dal Grano, il Pane Quotidiano –  dalla Carità dell’Emergenza alla Carità tra le Istituzioni”.

Su questi temi saranno incentrate le riflessioni della nostra Giornata diocesana per la Custodia del Creato che, come nelle precedenti edizioni, si svolgerà il 3 ottobre presso il Parco Naturale Regionale di Porto Conte in Alghero, grazie alla collaborazione del Comune di Alghero, dell’Ente Parco di Porto Conte e del GAL “Terras de Olia” di Cuglieri.

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi