Giovedì 25 Luglio, aggiornato alle 13:57

Irene Testa: Tbc in carcere, a Bancali tutto sotto controllo, ma i dati nazionali richiedono un provvedimento nazionale urgente”

Irene Testa: Tbc in carcere, a Bancali tutto sotto controllo, ma i dati nazionali richiedono un provvedimento nazionale urgente”
Irene Testa, garante delle persone private della libertà personale della Regione Sardegna:  “Tbc in carcere, a Bancali tutto sotto controllo, ma i dati nazionali richiedono un provvedimento nazionale urgente”

Cagliari, 5 luglio – “Apprendo con sollievo quanto comunicatomi dal Provveditore e dal direttore sanitario di Bancali riguardo la diffusione della tbc all’interno dell’istituto e di come la situazione sia sottocontrollo.
Naturalmente non essendo tutti a conoscenza di come funzioni la malattia, la sola positività riscontrata in alcuni ha creato il caos. Quindi bene la chiarezza. Ora però, dopo questa vicenda, è necessario che tutte le strutture che accolgono nuovi giunti vengano messe in condizione di effettuare il test tbc per tutti. I dati dicono che oltre il 50 per cento dei detenuti stranieri risulta positivo al test della tubercolina, e non si può continuare a far finta di niente.
Come è noto molti detenuti vengono trasferiti da un istituto all’altro senza che le cartelle cliniche seguano i loro spostamenti, così come è avvenuto in questo caso.  Per cui il personale sanitario spesso non conosce la storia clinica del detenuto in entrata. La situazione delle carceri è già ingestibile nella quotidianità ordinaria, figuriamoci quando accadono situazioni di panico.
Per questo ritengo urgente nell’interesse di tutti, e onde evitare di gettare nel caos il personale e chi a vario titolo entra in carcere, di prevedere questo test a livello nazionale per tutti i nuovi giunti attraversi un provvedimento da parte del Ministero della Salute per porre fine al costante pericolo di salute al quale vengono sottoposti i detenuti e chi lavora in carcere”.
Queste le parole di Irene Testa, garante delle persone private della libertà personale della Regione Sardegna.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi