Domenica 14 Luglio, aggiornato alle 20:57

Atelier, da Luglio la seconda residenza d’Artista con il duo Les Biologistes Marins

Atelier, da Luglio la seconda residenza d’Artista con il duo Les Biologistes Marins

Gli Atelier di Via Carlo Alberto, ad Alghero, aprono le loro porte per la seconda residenza d’artista incontrando il giovane e talentuoso duo Les Biologistes Marins.

Fortemente voluto da Fondazione Alghero per sviluppare percorsi di creazione e sperimentazione in linea con le ricerche artistiche internazionali, ATELIER# – NUOVE NARRAZIONI CONTEMPORANEE è pronto ad accogliere i vincitori della Open Call che aveva raccolto oltre 100 candidature.

 

Les Biologistes Marins, ovvero Anton Sconosciuto e Beatrice Miniaci, sono un duo di performance audiovisiva che crea musica elettroacustica semi-improvvisata di genere ambient, amalgamando la musica con lo studio, l’utilizzo e l’osservazione dell’acqua e la sua timbrica.

 

L’acqua sarà dunque la protagonista della loro produzione esclusiva per ATELIER# insieme all’ascolto di chi con l’acqua convive ogni giorno, “gente di mare” – citando la canzone – che culla dentro di sé orizzonti e maree, miti e porti a cui fare ritorno.

Come scienziati del suono, navigheranno un ambiente musicale ed emotivo speciale e fluido, restituendo i giorni di incontri e lavoro con una performance audiovisiva site-specific.

 

Anton Sconosciuto, batterista e compositore nato a Londra nel 1998 e ora residente a Roma, dopo aver studiato batteria a Siena e Amsterdam, negli ultimi anni ha concentrato il suo lavoro sulla produzione e sull’arrangiamento discografico, pur lavorando a tempo pieno come turnista, batterista e oltre 20 progetti all’estero.

Beatrice Miniaci, performer e musicista nata a Brescia nel 1998, ha studiato musica classica prima al conservatorio di Brescia e poi al conservatorio di Amsterdam e si è specializzata in Sonic Arts presso l’Università di Tor Vergata di Roma. La sua attività artistica varia dalla musica barocca al teatro musicale, dalla dimensione collaborativa dell’improvvisazione alla composizione orchestrale


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi