Giovedì 20 Giugno, aggiornato alle 18:04

Eolico, Paolo Truzzu ( FdI): la strada da percorrere è quella del dialogo con il Governo nazionale, non quella del braccio di ferro

Eolico, Paolo Truzzu ( FdI): la strada da percorrere è quella del dialogo con il Governo nazionale, non quella del braccio di ferro

“Lo abbiamo sempre sostenuto, la strada da percorrere è quella del dialogo con il Governo nazionale, non quella del braccio di ferro gridando al ‘tradimento’ che poi costringe ad una repentina marcia indietro con gli odierni toni trionfalistici fuori luogo”. Così Paolo Truzzu, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio regionale, interviene sulle novità annunciate dalla presidente Todde sul tema dell’eolico.

“Le dichiarazioni della Presidente somigliano più ad un bollettino di guerra che al riconoscimento della disponibilità del Governo Meloni ad ascoltare e tenere in considerazione le richieste della Regione Sardegna. Contrariamente a quanto era accaduto con il Piano di transizione energetica del Governo Draghi, che fu approvato nonostante il parere contrario della Commissione Ambiente della Conferenza Stato-Regioni, peraltro coordinata da un esponente di Fratelli d’Italia. Proprio quel Governo nel quale Alessandra Todde aveva un ruolo di rilievo, essendo viceministro dello Sviluppo economico. Da quegli atti, approvati nel silenzio dell’attuale Presidente della Regione, sono derivati tutti i problemi legati all’assalto al territorio sardo da parte degli speculatori”.

“La Giunta Todde voleva far credere che una semplice moratoria potesse ostacolare la speculazione energetica nel nostro territorio. Ormai si è capito che si è trattato di un provvedimento per buttare fumo negli occhi dei cittadini preoccupati, perché senza il decisivo dialogo istituzionale non ci sarebbe stato alcun passo avanti”, conclude Truzzu.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi