Lunedì 17 Giugno, aggiornato alle 13:12

VIDEO – Roberto Salis il padre di Ilaria ad Alghero , Di Nolfo e Cacciotto a sostegno della sua candidatura con AVS: “assenza dello stato di diritto”

VIDEO – Roberto Salis il padre di Ilaria ad Alghero , Di Nolfo e Cacciotto a sostegno della sua candidatura con AVS: “assenza dello stato di diritto”

Valdo Di Nolfo, Raimondo Cacciotto hanno fortemente voluto la presenza di Roberto Salis ad Alghero per sentire dalla sua vivavoce sensazioni emozioni e soprattutto quale sarà il futuro di Ilaria Salis. E’ noto che Ilaria Salis è candidata alle Europee nelle liste di Alleanza Verdi Sinistra, è si punta alla sua elezione per toglierla dalla galera, nella quale è rinchiusa da oltre 18 mesi. Ilaria Salis è l’attivista antifascista, accusata di essere l’aggressore di un gruppo di neonazisti in Ungheria, sottoposta a prigionia dura, rischia sino a 28 anni di carcere,  è stata ripresa con le catene ai piedi in tribunale,  immagini che hanno fatto inorridire e provocato sconcerto.
L’assemblea è stata nutrita e molto partecipata, prima gli interventi di Roberto Salis poi quello di Raimondo Cacciotto poi Valdo Di NOLFO a sottolineare che ad Alghero c’è una comunità che sostiene la battaglia di quest’uomo che ha come obiettivo  quello di riportare sua figlia in Italia.. E nel corso del dibattito emerso che Ilaria Salis poiché candidata alle elezioni europee nelle liste di alleanza verde e sinistra, potrebbe in caso di elezione essere la paladina nel parlamento europeo di tutte le libertà negate contro ogni forma di sopruso e di fascismo. La storia di Ilaria Salis è quella che mette sul tavolo una battaglia ideologica che contrappone la destra italiana contro quella parte di sinistra che si dichiara convintamente antifascista, e non solo a parole. La storia di Ilaria, raccontata dal padre Roberto,  diventa un momento di condivisione di grande partecipazione e soprattutto si capisce che quest’uomo convintamente non violento e antifascista a più di un dubbio e lo dice apertamente sul comportamento tenuto dal governo italiano e dal ministero degli esteri.
E’ emerso che nell’udienza dell’altro ieri il giudice ha fatto sapere che ha mandato una istanza al ministro della Giustizia italiano perché in Ungheria l’immunità decorre dal momento della nomina. Per cui ha chiesto conferma al ministro della Giustizia italiano che effettivamente sussiste una nomina per la candidatura di Ilaria. Però il ministro della Giustizia non risponde”. Roberto Salis è stato molto critico su questo atteggiamento. E ancora, nella mattina gli era stato chiesto cosa ne pensasse della possibilità che la premier Giorgia Meloni potesse accogliere ( come ha fatto con Chico Forti) la figlia in aeroporto: piuttosto vado a prenderla io in motoretta – ha affermato tranchant.

Valdo Di NOLFO in chiusura di assemblea ha sottolineato che da Alghero parte un messaggio indirizzato a tutte le libertà da difendere, a tutti i diritti negati soprattutto nei paesi dove la destra tende a soffocare ogni voce di dissenso, e Ilaria –  ha  concluso Valdo Di NOLFO –  dovrà essere la paladina della libertà e della democrazia contro ogni forma di fascismo.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi