Giovedì 25 Luglio, aggiornato alle 13:57

Silvio Lai (PD): Siccità, ritardi dighe hanno precise responsabilità Governo assente. Commissariamenti regionali di 5 anni senza risultati

Silvio Lai (PD): Siccità, ritardi dighe hanno precise responsabilità Governo assente. Commissariamenti regionali di 5 anni senza risultati

“C’è un’emergenza idrica nazionale e il ministero dell’agricoltura si balocca con premi improbabili e nuove assunzioni nei gabinetti. Lo stanziamento annunciato da 400 milioni e annunciato dal Governo dopo la dichiarazione di emergenza idrica nazionale in Sicilia è insufficiente e trascura la condizione delle altre regioni tra cui la Sardegna. Denunciamo da tempo in Parlamento il grave ritardo (se non l’assenza) del Governo sulla siccità, per contrastare la quale occorre mettere in campo un piano straordinario, quello già annunciato entro giugno dallo stesso commissario dell’Acqua il 22 di marzo scorso, dopo la Cabina di regia per la crisi idrica del 19 marzo. Non c’è più tempo da perdere: sono urgenti le risposte all’intero comparto agricolo”. Così il deputato del Pd in commissione bilancio Silvio Lai.
“Servono misure straordinarie, delle quali nella mia commissione non c’è traccia, e interventi mirati. Tra questi, l’erogazione di aiuti economici straordinari per compensare le perdite subite dagli agricoltori, l’attivazione di misure di sostegno per la gestione idrica e l’accelerazione delle procedure per l’ottenimento di autorizzazioni e finanziamenti per interventi di efficientamento idrico e irrigazione. Secondo l’Anbi ci sono oltre settecento progetti di manutenzione straordinaria delle infrastrutture idriche nazionali, per un investimento complessivo di 2,3 miliardi di euro, mentre le regioni hanno presentato 562 proposte da 13,5 miliardi per il piano nazionale di interventi strutturali e per la sicurezza del settore idrico, ma serve scegliere le priorità e individuare le risorse con cui realizzarle.”
Per quanto riguardano la Sardegna “Solo qualche mese fa gli esponenti della Giunta di centrodestra esultavano perché le dighe erano piene e ora siamo con le campagna allo stremo e restrizioni idriche che genereranno danni economici gravissimi sino al 50-70% delle produzioni secondo gli imprenditori agricoli” prosegue il dem Silvio Lai dopo i gravi eventi dei giorni scorsi che hanno visto un agricoltore stremato reagire con un gesto estremo e ora accusato di tentato omicidio.
“In realtà i 5 anni di commissariamento sono stati un fallimento che deve essere reso chiaro in nome della trasparenza. È vero che i costi degli appalti sono aumentati ma aumentano anche a causa dei ritardi che si accumulano sia se non funziona la parte tecnica ma ancora di più se chi fa il commissario non velocizza la parte politica. Allora, dopo 5 anni di pochi o nessun passo avanti occorre chiarire di chi sono le responsabilità e non proseguire con lo stesso assetto e le stesse procedure. Il cambiamento richiesto non può valere solo per la sanità ma anche per il resto del sistema regionale chiarendo se non hanno funzionato i commissari, ovvero chi doveva prendere le decisioni politiche oppure la struttura tecnica altrimenti nella notte senza luna non si distingue nulla.”


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi