Domenica 14 Luglio, aggiornato alle 11:27

Siccità in alcuni territori della Sardegna, in ginocchio le aziende agricole di Baronia, Ogliastra e Bassa Gallura

Siccità in alcuni territori della Sardegna, in ginocchio le aziende agricole di Baronia, Ogliastra e Bassa Gallura

CENTRO STUDI AGRICOLI – SITUAZIONE  ALLARMANTE NELLE AZIENDE AGRICOLE RICADENTI NEI TERRITORI ORIENTALI DELLA SARDEGNA  A CAUSA DELLA PERSISTENTE  SICCITA’  – BARONIA, OGLIASTRA- BASSA GALLURA LE LOCALITA’ PIU’ COLPITE – TORE PIANA: IL CSA  CHIEDE  ALL’ASSESSORE REGIONALE ALL’AGRICOLTURA  L’AVVIO URGENTE DELLE PROCEDURE PER DECRETARE LO STATO DI CALAMITA’ – PREVISTE RIUNIONI DEL CENTRO STUDI AGRICOLI   A IRGOLI E OGLIASTRA. AVVIATA DAL CSA  LA SOTTOSCRIZIONE DI UNA PETIZIONE RIVOLTA ALLA REGIONE E AI SINDACI DEI TERRITORI INTERESSATI.

LA situazione della persistente siccità in alcuni territori della Sardegna, sta mettendo in ginocchio le aziende agricole ricadenti nei territori  colpiti dalla siccità. Sono mesi che non piove o è piovuto quasi niente, non è cresciuta erba dei pascoli e chi ha seminato gli erbai si ritrova ad aver speso inutilmente in sementi e concimi e a dover spendere per alimentare il proprio bestiame in mangimi. Il guadagno è praticamente azzerato, anzi le aziende sono in netta perdita, soprattutto quelle che allevano bestiame come bovini da carne, capre e pecore. Ci sono alcuni territori dove l’erba autunnale non è mai spuntata, afferma Tore Piana Presidente del Centro Studi Agricoli, in alcuni territorio ho eseguito personalmente un sopralluogo per verificare la situazione e la situazione appare più drammatica di come la descrivevano gli agricoltori. Oggi in alcune aziende stanno venendo a mancare anche i pozzi artesiani che alimentano l’acqua di abbeveraggio del bestiame e moltissime aziende sono costrette ad noleggiare autobotti e acquistare l’acqua necessaria al bestiame.  Una situazione che giorno dopo giorno diventa sempre più difficile e che sta portando le aziende a dover vendere il proprio bestiame di produzione del latte perché non riescono più a sostenere le spese, nonostante il prezzo del latte di pecora, per gli allevatori di ovini sia soddisfacente. Interpretando questa situazione come Associazione agricola Centro Studi Agricoli, continua Tore Piana chiederemo urgentemente oggi stesso all’assessore regionale all’agricoltura On. Gianfranco Satta, di avviare l’iter normativo per il riconoscimento dello stato di calamità naturale per i territori sardi colpiti dalla siccità, così come sta avvenendo in altre regioni come la Sicilia in questi giorni. Noi come Associazione agricola Centro Studi Agricoli stiamo organizzando diverse riunioni territoriali, la prima a Irgoli e subito dopo in Ogliastra e altri comuni per dibattere il problema e ascoltare direttamente da allevatori e agricoltori la situazione. Inoltre sempre come CSA stiamo avviando una petizione che firmeranno agricoltori e allevatori, rivolta al Presidente della Regione e all’Assessore Regionale all’Agricoltura affinché decretino lo stato di calamità naturale per siccità e avviino le procedure per riconoscere urgenti ristori alle aziende agricole danneggiate, conclude Tore Piana.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi