Giovedì 30 Maggio, aggiornato alle 23:38

Gaetano Ventriglia a Sassari allo spazio Bunker con “Otello alzati e cammina”

Gaetano Ventriglia a Sassari allo spazio Bunker con “Otello alzati e cammina”

L’attore foggiano sarà allo Spazio Bunker di Sassari venerdì 19 e sabato 20 aprile 

SASSARI     Drammaturgo e attore tra i più originali e carismatici della scena italiana, definito da Ascanio Celestini  – in un celebre articolo apparso nel 2008 su la Repubblica (“La ricotta di Otello”) – come «il più grande attore del Ventunesimo secolo», Gaetano Ventriglia arriva a Sassari venerdì 19 e sabato 20 aprile (h. 21) per la rassegna Teatri in via di estinzione organizzata da Meridiano Zero Teatro. Allo Spazio Bunker di via Porcellana 17/A l’attore pugliese, classe 1962, uno degli ospiti più attesi di questa edizione della rassegna dedicata ai linguaggi del contemporaneo, porterà il suo spettacolo storico, il monologo “Otello alzati e cammina”, una personalissima rilettura del classico shakespeariano, che diventa anche un’occasione per interrogarsi sull’esistenza, sulla bellezza, sull’arte e in particolare sul teatro. 

Messo in scena per la prima volta nel 2008, “Otello alzati e cammina” (prodotto da Compagnia Garbuggino/Ventriglia – Armunia – Rialto Sant’Ambrogio) ha ricevuto e continua a ricevere un’accoglienza calorosa da parte del pubblico e della critica specializzata, che ne sottolinea la forza espressiva, la capacità di mescolare farsa, dramma, struggimento, alto e basso, la potenza evocatrice dell’amalgama linguistico creato da Ventriglia mescolando italiano, veneto, foggiano e inglese maccheronico. 

Sul palco, Gaetano Ventriglia si fa abitare da tutti i personaggi, in un interrotto flusso di coscienza: il Moro, naturalmente, e poi Jago, Desdemona, Roderigo, Cassio. La sua rilettura del dramma shakespeariano diventa «occasione di riflessione sulla verità della condizione esistenziale, verità che si stratifica su più piani, e dell’essere umano. Verità del senso dello stare in scena. Verità di un classico e delle sue discese nell’animo umano. Verità della condizione dell’uomo, dei suoi ideali e del senso della bellezza, delle sue sofferenze quotidiane, del senso della vita, su come essa venga attraversata e vissuta». E di queste verità Ventriglia è puro e commovente cantore. Un cantore mai retorico, sempre in bilico tra ironia e tragedia, tra farsa e dramma o, per citare direttamente lo spettacolo, tra “Adesso tu” di Ramazzotti e “Mulholland Drive” di David Lynch. Perché in fondo, nelle pieghe dell’esistenza, l’orchestra non c’è, sembra dirci Otello. 

Lo spettacolo è inserito nella programmazione della rassegna “Teatri in via d’estinzione” organizzata da Meridiano Zero Teatro con il contributo della Fondazione di Sardegna e della Regione Autonoma della Sardegna. I posti sono limitati la prenotazione è altamente consigliata:


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi