Giovedì 20 Giugno, aggiornato alle 17:07

“Nomofobia: la piaga del XXI secolo”. Convegno per gli studenti di Arzachena all’Ama

“Nomofobia: la piaga del XXI secolo”. Convegno per gli studenti di Arzachena all’Ama

“Nomofobia: la piaga del XXI secolo” Gli studenti di Arzachena all’auditorium per il convegno sulla dipendenza dalla tecnologia

 

 Arzachena (SS), 5 aprile 2024. Il Comune di Arzachena continua nel programma di promozione della salute e del benessere dei cittadini con iniziative volte alla divulgazione di una maggiore consapevolezza su diverse patologie, o disagi, e sulla loro prevenzione. Martedì 9 aprile 2024, alle 10:30, all’Ama Auditorium Multidisciplinare, si terrà il convegno “Nomofobia, la piaga del XXI secolo. Tecnologie e nuove forme di dipendenza“. L’appuntamento è aperto a tutti ma è dedicato, in particolare, agli studenti dell’Ipsar – Istituto professionale Costa Smeralda e del liceo scientifico Falcone e Borsellino. L’iniziativa è organizzata dal dottor Pietro Satta ed è promossa dall’assessore ai Servizi sociali e Protezione Civile, Alessandro Careddu.

Il ruolo di relatore è affidato all’avvocato Gianfranco Amato, presidente giuristi per la vita e direttore C.T.S. Osservatorio per le famiglie della Regione Sicilia.

 “Parliamo di Nomofobia con i ragazzi perché devono prendere coscienza dei rischi legati alla dipendenza da smartphone, senza per questo demonizzare la tecnologia afferma Alessandro Careddu, assessore ai Servizi sociali e Protezione Civile –. Il convegno è parte di un programma curato insieme al Settore Servizi Sociali comunale con cui promuoviamo la salute e il benessere dei cittadini. La campagna di screening cardiovascolare in corso, le visite gratuite di fisiatria, ginecologia, pneumologia, pediatria ed ematologia proposte nel 2023, i convegni su disprassia oculare ed educazione digitale degli adolescenti: sono tutti progetti che continuiamo a offrire nell’ottica di divulgare una maggiore consapevolezza sull’importanza di investire in uno stile di vita più sano”.

 La Nomofobia, ovvero la paura di rimanere sconnessi dal proprio smartphone, oggi è presente in gran parte della popolazione – spiega il dottor Pietro Satta, organizzatore del convegno -. La cosa più grave è che a esserne colpiti sono i giovanissimi. I sintomi sono molto simili a quelli relativi ad altre fobie specifiche, a disturbi di ansia e a segnali tipici delle dipendenze. L’evento pone l’accento sulla gravità delle ripercussioni a livello sociale che il fenomeno sta assumendo, per questo abbiamo voluto coinvolgere gli istituti superiori di Arzachena e le loro famiglie“.

nella foto l’Assessore Alessandro Careddu

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi