Martedì 28 Maggio, aggiornato alle 22:26

Sardware òspite de Mozilla in Califòrnia

Sardware òspite de Mozilla in Califòrnia

S’azienda de San Francisco at invitadu a Sardware a una resonada in ocasione de su primu anniversàriu de sa publicatzione de su navigadore Firefox in sardu

Firefox est unu de is navigadores web prus istimados dae is utentes. Nàschidu in su 2004 (ocannu est duncas su de 20 anniversàriu), est suportadu dae Mozilla, chi est a su matessi tempus una comunidade, una fundatzione e un’azienda cun base in San Francisco. Essende unu programma lìberu e de còdighe abertu, is comunidades linguìsticas sunt incoragiadas a ddu tradùere a is lìnguas issoro. A oe, Firefox est a disponimentu in agiumai chentu lìnguas, e a martzu de s’annu passadu, Sardware nd’at publicadu sa tradutzione in sardu. In ocasione de custu primu anniversàriu de sa versione in sardu, s’iscuadra de localizatzione de Mozilla, dirigida dae Delphine Lebédel, at invitadu a Flavia Floris e Adrià Martín, de Sardware, a una resonada pùblica in lìnia.

In su cursu de su resonu, Flavia Floris —dotoranda de su programma de Tradutzione, gènere e istùdios culturales de s’Universitat de Vic in Catalugna— at ispiegadu sa realidade sotziolinguìstica sarda a is assistentes, e at craridu cuntzetos comente cussu de lìngua minorizada, lìngua subordinada e lìngua minetzada. Adrià Martín, de s’Universidade Istatale de Califòrnia, at sutaliniadu s’isfida chi ìmplicat sa mancàntzia de un’acòrdiu in contu de su modellu ortogràficu pro sa tradutzione de programmas informàticos. Flavia e Adrià ant incoragiadu a sa sotziedade sarda no isceti a impreare is produtos tradùidos dae Sardware, ma fintzas a pigare cussèntzia de s’importu de sa tecnologia lìbera pro sa diversidade linguìstica. In custu sentidu, ant regordadu chi, segundu istùdios ispetzialìsticos, intre su 50 e su 90% de is lìnguas de su mundu at a isparèssere in custu sèculu: “Est responsabilidade de onni persone de impreare tecnologia rispetosa de is deretos linguìsticos de is sardos: est un’isfortzu piticu, e incoragiamus a totus a pigare cussèntzia”. In su resonu, s’est puru fatu presente chi ammancant fèminas in is comunidades de tecnologias lìberas: “a tènnere prus diversidade, inoghe puru, faghet profetu a chie chi siat”, at afirmadu Flavia. Prima de serrare cun is preguntas, Delphine at preguntadu a Flavia de rispòndere in sardu, pro chi su pùblicu podiat intèndere su sonu de s’idioma. A s’agabbu de sa sessione, is ativistas ant respòndidu a is preguntas de su pùblicu in pitzus de su mètodu de traballu e de sa cumpositzione de s’assòtziu, e ant cumpartzidu cussìgios pro chie bògiat contribuire.

 

Sa resonada intre Mozilla e Sardware podet èssere recuperada dae https://mozilla.hosted.panopto.com/. Mozilla Firefox est a disponimentu in sardu pro dispositivos Android e elaboradores de iscrivania dae su situ www.mozilla.org/firefox/.

Totu sa nostra intelligèntzia

Tenimus progetos meda pro frunire a sa comunidade nostra un’ecosistema de aplicatziones lìberas, èticas, e in sardu, ma tenimus bisòngiu de totu sa nostra inteligèntzia. Contribui oe cun dinare (dae su situ https://www.sardware.org/dona/) o agiunghe·ti a nois: tradutzione, disinnu, gestione de retes sotziales, programmatzione… ònnia agiudu at a èssere fundamentale pro sighire a mantènnere su sardu bivu in s’àmbitu digitale!

 

L’azienda di San Francisco ha invitato Sardware a una chiacchierata in occasione del primo anniversario della pubblicazione del browser Firefox in sardo

 

Firefox è uno dei browser web più apprezzati. Nato nel 2004 (quando è quindi il 20° anniversario), è sostenuto da Mozilla, che è al tempo stesso una comunità, una fondazione e un’azienda con sede a San Francisco. Essendo un programma libero e open source, le comunità linguistiche sono incoraggiate a tradurlo nelle loro lingue. Attualmente, Firefox è disponibile in quasi cento lingue, e a marzo dello scorso anno, Sardware ne ha pubblicato la traduzione in sardo. In occasione di questo primo anniversario della versione in sardo, la squadra di localizzazione di Mozilla, guidata da Delphine Lebédel, ha invitato Flavia Floris e Adrià Martín, di Sardware, a un’intervista pubblica online.

 

Nel corso della discussione, Flavia Floris —dottoranda del programma di Traduzione, genere e studi culturali dell’Università di Vic in Catalogna— ha parlato della realtà sociolinguistica sarda alle persone assistenti, e ha spiegato concetti come quelli di lingua minorizzata, lingua subordinata e lingua minacciata. Adrià Martín, dell’Università Statale della California, ha sottolineato la sfida che implica la mancanza di un accordo sul modello ortografico per la traduzione di software informatico. Flavia e Adrià hanno incoraggiato la società sarda non solo a utilizzare i prodotti tradotti da Sardware, ma anche ad acquisire consapevolezza dell’importanza della tecnologia libera per la diversità linguistica. In questo senso, hanno ricordato che, secondo studi specialistici, tra il 50 e il 90% delle lingue del mondo scompariranno in questo secolo: “È responsabilità di ogni persona utilizzare tecnologia rispettosa dei diritti linguistici della comunità sarda: è un piccolo sforzo, e incoraggiamo le persone a prendere coscienza”. Nella conversazione, si è fatto anche presente che mancano donne nelle comunità di tecnologie libere: “avere più diversità, anche qui, rappresenta un beneficio per chiunque”, ha affermato Flavia. Prima di chiudere con le domande, Delphine ha chiesto a Flavia di rispondere in sardo, in modo che il pubblico potesse sentire il suono della lingua. Al termine della sessione, Flavia e Adrià hanno risposto alle domande del pubblico sul metodo di lavoro e sulla composizione dell’associazione, e hanno condiviso suggerimenti per chi volesse contribuire.

La conversazione tra Mozilla e Sardware si può recuperare da https://mozilla.hosted.panopto.com/. Mozilla Firefox è disponibile in sardo per dispositivi Android e PC dal sito www.mozilla.org/firefox/.

 

Tutta la nostra intelligenza

Abbiamo molti progetti per offrire alla nostra comunità un ecosistema di applicazioni libere, etiche, e in sardo, ma abbiamo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Contribuisci oggi con denaro (dal sito https://www.sardware.org/dona/) o unisciti a noi: traduzione, design, gestione di reti sociali, programmazione… ogni aiuto sarà fondamentale per continuare a mantenere vivo il sardo nell’ambito digitale!


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi