Lunedì 26 Febbraio, aggiornato alle 13:49

Monica Chessa ( DPO), votare e non votare, la democrazia vacilla

Monica Chessa ( DPO), votare e non votare, la democrazia vacilla

Prendere parte alle elezioni è un diritto che non possiamo dimenticare, è fondamentale esercitarlo per essere protagonisti di un futuro condiviso fatto di libertà e progresso” è l’inizio di una nota di Monica Chssa Responsabile Regionale Dipartimento Pari Opportunità della Lega, e prosegue:
Il 25 febbraio noi Sardi siamo chiamati alle urne per eleggere il nuovo Consiglio Regionale. Votare è un diritto e un dovere dei cittadini ma non è un obbligo. Il non voto non incontra oggi alcuna sanzione. Un
tempo l’art. 115 del Testo Unico delle leggi recanti norme per l’elezione della Camera dei deputati (DPR 361/1957) che disciplinava il voto prevedeva l’inclusione nell’elenco degli astenuti degli elettori che non
avevano votato senza un giustificato motivo. Per il periodo di 5 anni la menzione “non ha votato” risultava iscritta nel certificato di buona condotta richiesto per l’accesso al Pubblico Impiego ed in particolare per
l’iscrizione ad Albi Professionali. Con la riforma del T.U. l’art. 115 è stato abrogato. Si discute se reintrodurre l’obbligo al voto applicando una simbolica sanzione pecuniaria nel caso l’astensione fosse ingiustificata. Molti giuristi dissentono poiché ritengono che in uno Stato democratico il cittadino deve essere libero anche di non esprimere il proprio voto in segno di protesta, per esprimere la contrarietà ad
una politica miope ed incapace di amministrare nel modo giusto. Si parla di libertà negativa. Libertà di non fare. Questa protesta, tuttavia, sta diventando così imponente che sono più i cittadini che non votano
piuttosto che quelli che votano. In questo modo il rischio è che il popolo perda la propria sovranità perché non la esercita e disinteressandosi la democrazia diventa un mero ricordo della vecchia generazione. Noi
Sardi sappiamo ciò che è giusto, bisogna fare sempre perché restare fermi significa cedere il passo a chi facendo a meno di noi è giustificato a pensare a sé. Comprendiamo tutti, l’etica di una scelta così
importante come quella di partecipare all’ elezione della nuova Regione, per il futuro dei nostri figli. Pertanto, mi rivolgo a tutte le donne tenaci e decise sempre pronte a lottare per il bene senza mai arrendersi e le invito a unirsi insieme a noi ad intraprendere questa battaglia pacifica in difesa della libertà rappresentata dal voto affinché non possa mai più tornare il buio profondo dei tempi in cui questo ci è stato negato”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi