Giovedì 25 Luglio, aggiornato alle 1:01

VIDEO – Assalto ai portavalori – Commando di almeno 10 uomini, spari di Kalashnikov, cinque i feriti uno da arma da fuoco

VIDEO – Assalto ai portavalori – Commando di almeno 10 uomini, spari di Kalashnikov, cinque i feriti uno da arma da fuoco

La ricostruzione è drammatica,  il Dirigente della squadra mobile di Sassari Michele Mecca  ripercorre fatti accaduti  sulla 131 tra i bivi di Ardara e di Siligo, con l’assalto a tre furgoni portavalori. Un assalto nel corso del quale  sono rimaste ferite cinque guardie giurate,  quattro nel tamponamento, una in modo grave,  e un’altra per un colpo di arma da fuoco alla gamba. In tutta la Sardegna è scattato il piano anticrimine e le forze dell’ordine stanno dando la caccia ai banditi in fuga.

“Il Comando era composto da almeno 10 persone, e si ritiene fosse qualcuno in più, e gli inquirenti stanno  cercando di capire quali sono i numeri reali di questo comando, hanno bloccato la strada 131 tra i bivi di Ardara e Siligo,  in entrambe le direzioni., usando delle catene e dando fuoco dei mezzi, dopodiché a circa 2 km dai blocchi hanno utilizzando un mezzo compattatore della spazzatura e bloccato la carreggiata. Questo blocco della carreggiata ha causato un impatto del primo mezzo,  di una colonna compostadi tre mezzi che stava viaggiando in direzione di Cagliari,  L’autista del primo  blindato è rimasto ferito ed è stato portato via con l’Elisoccorso. I Malviventi hanno anno sparato dei colpi di Kalashnikov  molti, e hanno colpito alle gambe una guardia giurata che era all’interno del  blindato della Vigilpol, che fortunatamente non è in gravi condizioni. Hanno aperto i mezzi blindati con delle seghe circolari da metallo ed ha portato via in due -tre mezzi,  i soldi contenuti all’interno, che ancora non siamo riusciti a quantificare, perché è una cosa che si saprà solo dopo la conta che verrà fatta dall’agenzia di vigilanza.

Altre guardie giurate sono rimaste ferite nell’impatto perché è stata una sorta di tamponamento a catena, per cui tutti gli occupanti dei mezzi hanno subito lesioni non gravi per fortuna, traumi e contusioni di vario livello, ma non ci sono vittime.   Non c’è stato nessun conflitto con le forze dell’ordine –  si precisa – nessun conflitto. Non abbiamo idea del bottino,  stiamo battendo a tappeto tutta la provincia e anche le province vicine in collaborazione con le altre squadre mobili . Tutte le forze dell’ordine sono impegnate sul campo per cercare di capire dove possono essere andati questi personaggi.  Si sta facendo l’attività classica che si fa in questo tipo di situazione.

E a proposito del video  che c’è in giro sul web,  che vi proponiamo , dove si vede un uno un uomo che viene minacciato all’interno di un furgone e fatto scendere dai banditi mitra in pugno: Quelle sono le persone che hanno bloccato la strada a monte, quelli che hanno fatto il primo sbarramento per impedire alle macchine di arrivare nel punto in cui è stato fatto l’assalto. Si è chiesto dell’esplosivo rinvenuto al lato della statale. “Stanno lavorando i nostri artificieri e stanno disinnescando l’esplosivo che hanno trovato dentro questa borsa che era già innescato, e quindi pericoloso,  procedono al disinnesco, per metterlo in sicurezza, dopodiché, la scientifica procederà a fare il rilievi del caso. Specifica il  dirigente che una pattuglia è arrivata al momento della rapina recuperato subito le due macchine che hanno usato per il primo tratto di fuga.

Queste le primissime ricostruzioni. Ora in tutta la Sardegna è scattato il piano anticrimine e le forze dell’ordine stanno dando la caccia ai banditi in fuga.

Il video di seguito proposto, ormai virale sul web, dimostra tutta la drammaticità dei momenti, e la spregiuticatezza del malviventi


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi