Domenica 3 Marzo, aggiornato alle 19:14

Il Made in Italy non va solo vantato ma anche difeso. Balneari, agricoltori , pescatori , ambulanti, commercianti, artigiani: urge chiarezza

Il Made in Italy non va solo vantato ma anche difeso. Balneari, agricoltori , pescatori , ambulanti, commercianti, artigiani: urge chiarezza

COMUNICATO STAMPA

Ormai sono molti anni  che gli agricoltori , pescatori , ambulanti, commercianti, artigiani  , balneari e quindi tutto  il popolo produttivo sono in mobilitazione in Italia ed ora è il momento della responsabilità e della chiarezza.

Gli agricoltori e il popolo produttivo con le loro mobilitazioni e vertenze che si sono sviluppate spesso senza che i media nazionali ne dessero notizia in questi anni hanno indicato con chiarezza cosa questo paese deve fare per restituire dignità e valore al nostro Fatto in Italia (made in Italy).
Serve un progetto nuovo per i ceti produttivi piccoli e medi, per i lavoratori impegnati, per i cittadini e le comunità.
La Politica e le Istituzioni devono riconoscere la crisi  senza nasconderla e devono dare risposte alle tante richieste che in questi anni sono state avanzate da quanti si stanno impegnando a favorire gli interessi dei territori contro la deriva di un Made in Italy in mano alle multinazionali e alla speculazione finanziaria.
La sovranità alimentare e quella popolare devono essere la base su cui restituire futuro al lavoro ed ai territori.
Il Made in Italy non va solo vantato ma soprattutto difeso!
Difeso dal nostro Governo che per la prima volta deve dire no alla concorrenza delle multinazionali che invadono le nostre terre, le nostre coste e le nostre tradizioni.
E’ arrivato il momento che le forze sociali e i movimenti che condividono questi obiettivi si uniscano per pretendere dalla politica ,sia italiana che europea,  che guardi in faccia la crisi e ridia Sovranità all’Italia.
Per questo continueremo, promuoveremo ed appoggeremo proteste in tutto il territorio Nazionale  sia come Popolo Produttivo  che come Altragricoltura, Agri. Rivo e le tante sigle e movimenti e realtà spontanee che fanno riferimento a questi ed lasciando aperto il confronto e la porta a tutti quelli che in questi decenni hanno continuato a difendere i ceti produttivi.
Domani saranno previste mobilitazioni a Trento, Sabato a Venezia e Lunedi una grande mobilitazione a Ravenna che coinvolgerà diverse province della Pianura Padana  spostando centinaia di mezzi agricoli e altre nei giorni a seguire in Puglia , Lazio ed altre Regioni.
Andremo avanti fino a quando il ceto produttivo non avrà ottenuto le giuste risposte e salvaguardata la propria identità nazionale” conclud la nota di Claudio Maurelli Portavoce Comitato Popolo produttivo.

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi