Lunedì 27 Maggio, aggiornato alle 22:26

Scparsa di Gigi Riva – L’omaggio degli artigiani al grande Uomo e Campione

Scparsa di Gigi Riva – L’omaggio degli artigiani al grande Uomo e Campione

SCOMPARSA GIGI RIVA – L’omaggio degli artigiani al grande Uomo e
Campione, esempio di attaccamento alla propria attività e alla propria
terra. Fabio Mereu e Daniele Serra (Confartigianato Sardegna): “Un
artigiano nella vita e nello sport che ha plasmato con maestria,
passione e dedizione il proprio mestiere”.

“Se ne è andato un artigiano della vita e dello sport. La sua
esistenza e la sua straordinaria carriera nel calcio sono paragonabili
a quelle di un artigiano che ha plasmato con maestria, passione e
dedizione il suo mestiere. Tutto il mondo delle imprese della Sardegna
è profondamente addolorato per la scomparsa di un grande Sardo come è
stato Gigi Riva”.

Con queste parole, il Presidente e il Segretario di Confartigianato
Imprese Sardegna, Fabio Mereu e Daniele Serra, insieme alla Giunta
dell’Associazione in rappresentanza delle 35mila imprese sarde
esprimono il profondo cordoglio per la scomparsa dell’Uomo e del
Campione.

“Gigi Riva è stato l’artigiano per eccellenza del campo da gioco, che
ha plasmato il suo destino con gli strumenti della determinazione e
dell’impegno – continuano Mereu e Serra – come un artigiano esperto,
ha dato forma al suo percorso calcistico con tecnica impeccabile,
segnando il suo nome nella storia del calcio sardo, italiano e
mondiale”. “Come ogni artigiano – proseguono Presidente e Segretario –
Gigi ha affrontato sfide con coraggio, lavorando con la precisione di
un vero professionista. La sua abilità nel controllare la palla era
paragonabile all’arte di un maestro artigiano che trasforma la
semplice materia prima in un eccellente prodotto. Ogni goal da lui
segnato era una creazione unica, un capolavoro scolpito
nell’immaginario collettivo degli appassionati di calcio”.

“Un uomo che era venuto per stare, come raramente accade, dal nord. È
rimasto per davvero. Ha rinunciato alla facilità del momento per
combattere e rendere fiero un popolo, rinunciando a squadre più
blasonate e con facili guadagni – aggiunge Mereu – “Io volevo lo
scudetto per la mia terra: ce l’abbiamo fatta.” Anche per questo sei
entrato nel mito di un popolo, di una regione, di una nazione già da
vivo e ora che non ci sei più sarai ricordato per sempre con amore. Il
sacrificio, il riscatto non ha valore materiale ma ti da un dono:
l’eternità della memoria. Questo insegnamento che ci hai donato vale
nello sport come nelle imprese. Grazie Gigi Riva”.

Per gli Artigiani sardi, “la sua dedizione alla maglia rossoblù e a
quella azzurra è stata come l’impegno di un artigiano fedele alla sua
bottega, al suo lavoro e alle sue creazioni. La sua passione
contagiosa ha ispirato intere generazioni, portando gloria e onore
alla Sardegna e al resto dell’Italia attraverso i successi del
Cagliari e della Nazionale italiana. Soprattutto è stato un faro per i
giovani che hanno visto in lui un modello di impegno e professionalità
e per tutti i sardi che vedevano in lui l’immagine della serietà, del
rigore e dell’attaccamento alla propria Isola”.

“Vogliamo ricordarlo come un grande artigiano del calcio – concludono
Mereu e Serra – la sua eredità resterà viva nei cuori della
popolazione sarda e di tutti coloro che amano il calcio e apprezzano
l’arte calcistica. Ci auguriamo che i suoi insegnamenti possano
continuare a ispirare le generazioni che verranno, così come farebbe
ogni artigiano che ha a cuore il futuro della propria azienda”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi