Lunedì 26 Febbraio, aggiornato alle 15:41

Cultura e ambiente: terminati i lavori di riqualificazione energetica al Teatro Massimo di Cagliari

Cultura e ambiente: terminati i lavori di riqualificazione energetica al Teatro Massimo di Cagliari

Cagliari, 9 gennaio 2024 – Sono terminati nel perfetto rispetto dei tempi e delle procedure, gli interventi di riqualificazione energetica ambientale messi in atto dall’Ati Cedac/Jazz in Sardegna, gestore dal gennaio 2022 del principale Teatro di prosa-musica-danza della Sardegna. I lavori di efficientamento, terminati nell’agosto del 2023, sono stati finanziati coi Fondi dell’Unione Europea (Next Generation EU – PNRR M1C3 – Investimento 1.3) e permetteranno di ridurre di circa il 40 per cento l’assorbimento di energia elettrica e di almeno il 50 per cento l’impatto ambientale del Teatro.

Come noto, il progetto aveva ottenuto un contributo a fondo perduto di 352.423 euro – pari all’80 per cento dell’investimento – a cui si aggiunge la quota del 20 per cento finanziata dal Comune di Cagliari. Un risultato importante che oggi si manifesta in un notevole miglioramento delle dotazioni tecnologiche del teatro, un passaggio di prestazione di classe energetica dalla E alla D e un conseguente incremento del valore economico dell’intero edificio.

“Esprimo soddisfazione per il Teatro Massimo che ha completato con successo l’iter di efficientamento energetico – ha commentato Maria Dolores Picciau, assessora alla Cultura e Spettacolo del Comune di Cagliari -. In questo modo si è dimostrato un impegno concreto nel percorso di sostenibilità ambientale, garantendo al contempo un futuro più eco-friendly per questa importante struttura cittadina”.

L’intervento di efficientamento, finalizzato al risparmio energetico e agli obiettivi ambientali, di fatto genera anche risultati importanti sul rilancio degli investimenti, spingendo una “macchina” come il Massimo ad aumentare in modo considerevole il numero di recite e spettacoli (nel corso del 2023 sono state 337 le giornate in cui il Teatro è rimasto aperto, di cui 207 per gli spettacoli di prosa, danza, musica, teatro-circo andati in scena nelle due sale principali, con un aumento di oltre il 30 per cento rispetto all’anno precedente).

Ottimismo, dunque, anche da parte di Antonio Cabiddu, presidente del Cedac: “L’Ati Cedac/Jazz in Sardegna si è fatta carico di tutti gli impegni previsti dal Bando del Mic. Abbiamo firmato un contratto con l’impresa Energit e sostenuto l’impegno finanziario rispettando la tempistica degli stati di avanzamento dei lavori. Oggi siamo orgogliosi di annunciare che entro il mese di gennaio entrerà in funzione anche l’impianto fotovoltaico. Ringraziamo il Comune che ha sostenuto la parte economica del 20 per cento richiesta dal Bando. Si tratta di un’operazione virtuosa tra pubblico e privato che per noi è motivo di grande soddisfazione. La collaborazione con il Comune, in coerenza con il progetto di innovazione, trova conferma nei brillanti risultati raggiunti nei due anni di gestione del Teatro Massimo con un notevole ampliamento di tutte le attività”.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi