Martedì 28 Maggio, aggiornato alle 22:26

A cavallo per portare solidarietà ai pazienti del Day hospital oncologico

A cavallo per portare solidarietà ai pazienti del Day hospital oncologico

A cavallo per portare solidarietà ai pazienti del Dh oncologico. L’amazzone Annalisa Sanna in sella alla sua Macrusa regalerà panettoni e tanti sorrisi

 Sassari 20 dicembre 2023 – In sella alla sua cavalla Macrusa anche quest’anno dimostrerà che la forza di volontà può essere più forte della malattia. E venerdì 22 dicembre, Annalisa Sanna riproporrà l’appuntamento che lo scorso anno aveva suscitato tante emozioni, commuovendo anche i tanti spettatori che avevano assistito all’evento.

Alla vigilia di Natale 2022, con la sua cavalla purosangue di 18 anni era arrivata sino all’ingresso del Santissima Annunziata e, assieme agli istruttori dell’associazione ippica Il Monello, aveva portato in dono panettoni per i pazienti del Day hospital oncologico dell’Aou di Sassari. All’epoca era reduce da un lungo periodo di cura. Oggi si trova a combattere una nuova battaglia.

E così anche quest’anno la giovane amazzone riproporrà l’evento. Tra le 9 e le 9.30 Annalisa arriverà con la sua Macrusa, assieme ai folletti e a Babbo Natale (tutti dell’associazione ippica Il Monello) anche loro a cavallo, sino all’ingresso dell’ospedale civile, portando un sacco colmo di panettoni. A scortare il piccolo corteo di cavalli sarà la polizia locale del Comune di Sassari. Ad accoglierla ci saranno, invece, tutti gli operatori del day hospital oncologico e il direttore dell’Oncologia medica Antonio Pazzola.

«Oggi, a un anno esatto da quella giornata di festa, la mia situazione è cambiata – afferma Annalisa – e mi trovo ad affrontare una nuova battaglia. Ma la mia grinta, così come quella di Macrusa, dei folletti e di Babbo Natale che mi accompagneranno in questa visita, è sempre la stessa di allora».

«Sento davvero importante fare gli auguri di Natale a chi, come me, vive una situazione di estremo disagio e dolore. E allora, arrivare a cavallo sarà la dimostrazione che, nonostante quello che ci è capitato, tutto può continuare a essere normale», conclude Annalisa.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi