Domenica 23 Giugno, aggiornato alle 18:47

Domus de Janas candidata verso il riconoscimento UNESCO,Oggi si presenta un libro

Domus de Janas candidata verso il riconoscimento UNESCO,Oggi si presenta un libro

Progetto candidato al riconoscimento UNESCO. Sassari, lunedì 4 dicembre 2023, ore 16. Palazzo della Provincia, Sala Angioy

Un libro che racconta la ricchezza del patrimonio archeologico preistorico e protostorico della Sardegna, e che lancia la volata finale per la candidatura UNESCO dei monumenti preistorici significativi della nostra isola, tra cui anche le Domus de Janas.

Verrà presentato questo pomeriggio, lunedì 4 dicembre, a Sassari, il volume Arte e Architettura nella Preistoria Della Sardegna. Le Domus De Janas, edito da Condaghes. Appuntamento a partire dalle 16 nella Sala Angioy del palazzo della Provincia.

In programma i saluti istituzionali di Alessandro Cocco, assessore alla Cultura del comune di Alghero, capofila della “Rete dei Comuni” che sostiene la candidatura; di Giuseppa Tanda, presidente del Centro Studi Identità e Memoria (CeSIM/APS) e coordinatrice del progetto; di Bruno Billecci, soprintendente alla Archeologia, Belle arti e Paesaggio per le province di Sassari e Nuoro. A seguire sarà Alberto Cazzella, ordinario di Paleontologia all’Università “La Sapienza” di Roma.

La presentazione del libro sarà anche un’occasione per far conoscere alcuni risultati delle indagini interdisciplinari finora fatte e presenti nel dossier di candidatura UNESCO, che sarà consegnato, a gennaio, al Ministero Italiano per la Cultura e alla Commissione Nazionale Italiana UNESCO (CNIU). Alcuni di questi risultati riguardano lo stato di tutela, conservazione e sicurezza dei siti, e la loro valorizzazione economico/culturale.

A parlare dello stato di conservazione dei siti sarà Donatella Fiorino, docente dell’Università di Cagliari, mentre Gabriella GasperettiPina Corraine e Nadia Canu della Soprintendenza di Sassari-Nuoro affronteranno i temi della tutela dei monumenti candidati. Una riflessione sulla valorizzazione economico/culturale dei siti, grazie alla candidatura, sarà a cura di Elio Masala della Talent s.r.l. e di Marco di Gangi del Centro Studi Identità e Memoria.

«Con il percorso di candidatura UNESCO delle domus de janas – spiega Giuseppa Tanda – è iniziato un lungo processo che, se positivo in tutte le sue fasi, porterà all’inserimento di 26 siti archeologici nella Lista del Patrimonio mondiale, esemplificativi di circa 5000 monumenti o luoghi abitati dalle comunità isolane nel corso della Preistoria. La proposta di candidatura prende in considerazione l’ambito culturale che va dal Neolitico medio all’età del Rame, fino agli albori dell’età del Bronzo e prima della fioritura della civiltà nuragica, tra il V e la fine del III millennio a.C., vale a dire tra 7000 e 5000 anni fa. La selezione dei siti ha come riferimento l’arte e l’architettura e, all’interno di esse, gli esempi significativi delle “categorie funzionali”, cioè delle strutture di carattere civile, funerario e magico-religioso».

«L’obiettivo del progetto raccontato nella pubblicazione è chiaro – dice Alessandro Cocco – ottenere il prestigioso riconoscimento UNESCO per una selezione di monumenti dello sterminato patrimonio preistorico sardo, quale simbolo di una civiltà ben più ampia. Un patrimonio di veri e propri gioielli dell’arte e dell’architettura, in grado di rappresentare un legame diretto con i nostri antenati e con la loro creatività, con la capacità di andare anche oltre i confini della Sardegna». 

«Il patrimonio culturale può essere certamente un motore territoriale di crescita economica delle comunità – precisa nella sua prefazione al volume Monica Stochino, Segretario regionale ad Interim del Ministero della cultura per la Sardegna e Soprintendente Archeologica di Cagliari, Oristano e Sud Sardegna – ma è soprattutto strumento della crescita sociale e morale di quest’ultima, quando non anche strumento dei più alti fini riconosciuti dalla Convenzione del patrimonio mondiale: il patrimonio culturale è strumento fondamentale di riconoscimento e di divulgazione dei valori etici e morali della convivenza e della pace tra i popoli e della solidarietà tra individui».


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi