Lunedì 26 Febbraio, aggiornato alle 15:41

Acqua non potabile ad Alghero, divampa la polemica politica: Conoci sposta l’attenzione sulla gravità del fatto e attacca l’opposizione perchè parla

Acqua non potabile ad Alghero, divampa la polemica politica: Conoci sposta l’attenzione sulla gravità del fatto e attacca l’opposizione perchè parla

Di seguito una nota dei consiglieri dei gruppi consiliari di centrosinistra Per Alghero, Futuro Comune Sinistra in comune e PD su mancata azione e dichiarazioni sindaco Conoci su quanto sta avvenendo ad Alghero dove l’acqua di rete non è potabile. Si legge:

Triste e vergognoso è un sindaco che baratta la tutela delle concittadine e dei concittadini per la sua copertura politica. Triste e vergognoso è un sindaco che non solo non denuncia pubblicamente ma neanche incalza l’ASL e Abbanoa.

Purtroppo Conoci non si smentisce neppure stavolta. Invece di capire come sia stato possibile il verificarsi di un fatto così grave, con gli algheresi che per una settimana hanno utilizzato, senza precauzione alcuna, dell’acqua contaminata, prova a spostare l’attenzione attaccando l’opposizione, colpevole di non essere restata in silenzio.

Non si preoccupa piuttosto di ricercare i responsabili, enti e persone fisiche, non denuncia quanto accaduto alle autorità competenti, non si cura di capire come sia stato possibile un ritardo così grave nella comunicazione ai cittadini, in modo anche da correggere l’errore perché non si verifichi di nuovo. Non è piuttosto preoccupato del fatto che per una settimana gli algheresi, ignari di tutto, abbiano bevuto e usato per cucinare dell’acqua con un eccesso di trialometani e nitriti (sostanze potenzialmente cancerogene, altro che allarmismi…), non si chiede come sia possibile che gli abitanti di Maristella siano in questa situazione da più di un mese. Eccetera…

Sig. Sindaco, le diamo un consiglio, faccia il suo dovere per una volta, si preoccupi di tutelare la salute pubblica, invece di parlare di allarmismo dell’opposizione per coprire i pasticci creati da enti carrozzoni e dalla politica regionale che li guida. La finisca per favore anche di parlare di allarmismo quando parla del periodo del Covid, quantomeno per rispetto di quelle migliaia di persone che in Italia sono morte di Covid, per rispetto dei suoi concittadini che a causa della pandemia hanno perso un loro caro, per quegli algheresi che si sono ritrovati intubati tra la vita e la morte o con un casco in testa per riuscire a respirare.

Faccia il suo dovere Sig. Sindaco, faccia il suo dovere almeno una volta, gli algheresi sono veramente stanchi di lassismo, faciloneria e pressappochismo”, chiude la nota a firma di

Pietro Sartore, Gabriella Esposito, Mario Bruno, Valdo Di Nolfo, Mimmo Pirisi, Raimondo Cacciotto e  Ornella Piras


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi