Domenica 23 Giugno, aggiornato alle 18:47

“Connettere la Sardegna per restare agganciata al futuro”. La Nuova Sardegna organizza cinque incontri, il primo è Sabato

“Connettere la Sardegna per restare agganciata al futuro”. La Nuova Sardegna organizza cinque incontri, il primo è Sabato

Cinque incontri per mettere in campo idee, ragionare su opportunità e identità culturale dell’isola e sulle connessioni con il resto del mondo per disegnare un futuro migliore. Si parte il 28 ottobre da Sassari parlando di capitale umano e competenze “Connessioni”. Perché è solo attraverso di esse che la Sardegna può restare agganciata al futuro e superare quei limiti imposti per natura dalla carta geografica. Si chiama così l’iniziativa organizzata da La Nuova Sardegna con il patrocinio della Fondazione di Sardegna e con il media partner SardiniaPost. Un ciclo di cinque incontri per affrontare le sfide prossime dell’isola su capitale umano, infrastrutture e trasporti, ricerca e innovazione, energia, turismo. Cinque incontri che occuperanno l’agenda delle prossime settimane, partendo da sabato 28 ottobre e che porteranno il confronto a Sassari, Olbia, Cagliari ma anche in continente, a Roma e Milano perché “Connessioni” significa anche superare i confini naturali e portare i ragionamenti sul futuro della Sardegna laddove il Paese ha i suoi centri nevralgici.

“Ci troviamo di fronte a una concreta opportunità di rinnovamento e trasformazione per l’isola – commenta l’amministratore delegato e presidente di Gruppo Sae e Sae Sardegna, Alberto Leonardis -. Serve connettere l’isola ai continenti. All’Europa, al mondo. Mai come oggi, è essenziale creare un dialogo pubblico sul futuro della Sardegna”.

Primo appuntamento, quindi, il 28 ottobre, alle 16, al Padiglione Tavolara di Sassari. Capitale umano è il tema del pomeriggio di confronto. Si ragionerà sulla necessità di investire sulle competenze per il futuro sin dalle giovani generazioni e attrarre talenti per la trasformazione dell’isola in un hub di innovazione e sostenibilità.

Antonio Di Rosa, direttore editoriale del Gruppo Sae, introdurrà il pomeriggio di confronto con un benvenuto ai partecipanti del presidente e ad del Gruppo Sae, Alberto Leonardis, del presidente della Fondazione di Sardegna, Giacomo Spissu, del sindaco di Sassari, Gian Vittorio Campus e del presidente di Confindustria Sardegna, Maurizio De Pascale. Dopo un momento di confronto con alcuni ragazzi condotto dalla scrittrice Angelica Grivel Serra, spazio a due blocchi di dialoghi. Nel primo, alle 17, si parlerà di “Nuove  competenze e scenari futuri del lavoro per ripopolare la Sardegna”. Tra gli ospiti, Charlie Boyle, Ceo e Managing director Customer service exellence Ireland, Romano Benini, docente universitario e esperto di politiche del lavoro presso la segreteria tecnica del ministro del Lavoro, e Gabriele Ruiu, professore associato di statistica sociale all’Università di Sassari. Modera il confronto il direttore de La Nuova Sardegna, Giacomo Bedeschi. Alle 17.45 il secondo slot di dialoghi. Si parlerà di “Capitale umano, lavoro e nuovi processi formativi”. Tra gli ospiti, Gianni Bocchieri, coordinatore Nucleo Pnrr Stato-Regioni, Dipartimento per gli Affari regionali e le Autonomie della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Alessandro Mele, e Virginia Stagni, board Adecco Group, Modera Guido Paglia, direttore SardiniaPost. Si chiude con le riflessioni affidate a Giovanna Melandri, presidente di HumanFountation, e Linda Laura Sabbadini, già direttrice centrale Istat. Al termine dell’incontro è prevista una performance musicale di Gavino Murgia per celebrare la ricchezza culturale della Sardegna

Nella foto di copertina il Presidente e Ad del Gruppo Sae, Alberto Leonardis

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi