Venerdì 21 Giugno, aggiornato alle 14:15

WWF Sardegna sulla Falesia di Punta Giglio: Si Trasformi l’Ordinanza di divieto da provvisoria in definitiva, creando una zona A di massima protezione

WWF Sardegna sulla Falesia di Punta Giglio: Si Trasformi l’Ordinanza di divieto da provvisoria in definitiva,  creando una zona A di massima protezione

“In merito alla vicenda dei lavori di Mitigazione del rischio di frana in falesia di Punta Giglio” e “Riorganizzazione, messa in sicurezza e valorizzazione del sistema di fruizione del comprensorio di Punta Giglio in Area Marina Protetta Capo Caccia-Isola Piana) il WWF ritiene necessaria una soluzione che abbia come priorità la tutela della biodiversità e allo stesso tempo non metta in discussione l’operato dell’Ente gestore, laddove questo è responsabile dell’applicazione delle norme e di eventuali atti già approvati.

Il WWF, proprio per la vulnerabilità dell’area, non solo dal punto di vista geologico, ma anche per la presenza di specie vegetali e animali rare o a rischio diminuzione, ritiene sia necessario stabilizzare una situazione che dovrà evolversi a favore della conservazione della natura e allo stesso tempo garantire la sicurezza ai fruitori del sito, compito affidato al soggetto gestore dell’area protetta. Dal momento che l’area a pericolo frana (circa 8 ettari ovvero 400 metri di costa) è di fatto già interdetta al pubblico dal 2015 per il rischio di caduta massi (ordinanza n. 51/2015 del 23 ottobre 2015 dall’Ufficio circondariale marittimo di Alghero che prevede il divieto di : navigare, ancorare e sostare con qualunque unità sia da diporto che ad uso professionale; praticare la balneazione; effettuare attività di immersione con qualunque tecnica; svolgere attività di pesca di qualunque natura)  si tratta di trasformare questo atto provvisorio, in definitivo.

Scelta possibile e opportuna, intervenendo sulla zonizzazione dell’area protetta, cioè trasformando l’area a rischio da Zona B – quindi aperta alla fruizione -, in Zona A, cioè a massima protezione. Questo, di fatto, renderebbe superato l’intervento sulla falesia, perché di fatto non ci sarebbero più i pericoli richiamati dall’ordinanza e che fungono da presupposto al progetto di mitigazione. Sta nelle funzioni di un’area protetta quella di adattare la gestione allo stato dei luoghi e alle dinamiche naturali o accidentali che sopravvengono nel tempo. Peraltro, le risorse così risparmiate, potrebbero essere investite proprio per la tutela della biodiversità dell’area – a cominciare dal gabbiano corso e dalla flora endemica – e per un’opera diffusa di educazione ambientale e di migliore efficacia di tutela”, concludde la nota del WWF SARDEGNA


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi