Giovedì 25 Luglio, aggiornato alle 1:01

Paolo Andreucci in testa al 20º Rally dei Nuraghi e del Vermentino dopo il day1

  • In Sport
  • 16 Settembre 2023, 09:53
Paolo Andreucci in testa al 20º Rally dei Nuraghi e del Vermentino dopo il day1

Paolo Andreucci in testa al 20º Rally dei Nuraghi e del Vermentino dopo il day1, ma Gryazin accorcia nel secondo passaggio. Nel Vermentino Historicu al comando Lucky Pons, nel Baja Bordonaro primo nel Cross Country e Ventura in Ssv

 

Dopo aver siglato il miglior tempo nello shakedown di questa mattina, Paolo Andreucci si è ripetuto lasciandosi tutti alle spalle sulla “Filigosu 1” e, completate le prime due prove in programma nel day1, è al comando del  20º Rally dei Nuraghi e del Vermentino, gara valida come quarto round del Campionato Italiano Rally Terra. Il pluricampione italiano ha 12″1 di vantaggio sui portacolori di Aci Team Italia, Alberto Battistolli e Simone Scattolin, e 12″4 su Nikolay Gryazin e Aleksandrov Kostantin, come i due precedenti su Skoda Fabia Rs Rally2, che si conferma competitiva al debutto su terra.

Gryazin, condizionato da una foratura che gli è costata un ritardo di 18″9 su Andreucci nella prima speciale, chiusa al settimo posto, si è poi riscattato nel secondo passaggio, vinto con un vantaggio di 6″5 sul pluricampione italiano e di 12″5 su Battistolli. Nella classifica assoluta, quarto posto per Nicola Tali e Massimiliano Frau (27″4), primi dei sardi davanti a Giuseppe Dettori e Carlo Pisano (29″8), testa a testa che rinnova l’avvincente sfida tra i due piloti di Arzachena. Settimo posto per i finlandesi Lavio-Haataja, al debutto su Skoda Fabia, dodicesimo per Matteo Fontana e Alessandro Arnaboldi, primi tra le “due ruote motrici” sulla Peugeot 208 Rally4 (1’01″4). Dopo la prima giornata, 50 equipaggi del moderno in classifica e quattro ritiri.

Nel 5º Rally Vermentino Historicu, quarta prova dell’Italiano Rally Terra Storico, tutte le 11 vetture in gara hanno completato le prime due speciali in programma oggi. In testa i vincitori dell’ultima edizione, Lucky-Pons su Lancia Delta, che guidano anche la classifica delle “Quattro ruote motrici”. Secondo tempo assoluto e primo tra le “Due ruote motrici” per Tonelli-Selva su Ford Escort Rs, staccati di 32″3, terzo tempo assoluto per Diana-Costa (Ford Escort Rs, a 47″7), che hanno preceduto Mazza-Cavalli e Costantino Mura e Marco Demontis, su Lancia Delta, che hanno accumulato un ritardo di 1’17″2 in seguito a un uscita di strada nel primo passaggio che ha causato una foratura e problemi di assetto, poi risolti in serata in assistenza dopo aver completato il secondo passaggio senza correre ulteriori rischi.

Nel 4º Baja del Vermentino – Terre di Gallura, valido per il tricolore Cross Country Ssv, in testa Bordonaro e Loviso con un vantaggio si 3″9 su Codecà-Toffoli, che hanno completato l’unico passaggio previsto sulla Filigosu staccando di oltre dieci secondi tutti gli inseguitori.

Nella Ssv, miglior tempo per i favoriti Ventura-Mingozzi, la sorpresa è l’ottimo esordio della coppia Bitti-Pirisinu, con il talentuoso pilota diciassettenne sardo e il preciso navigatore di Luras hanno chiuso secondi assoluti e in vetta alla T4 con 29″9 dai primi e con 10″ di vantaggio sull’olbiese d’adozione Davide Catania, navigato da Marcon.

Domani le doppie tornate sulle prove “Alà dei Sardi-Buddusò” (9.38, 14,99 km) e “Pattada” (10.22, 13,97 km) e l’arrivo, alle 15.40, a Berchidda, seguito dalle premiazioni. La manifestazione, organizzata dalla Rassinaby Racing col supporto dell’Assessorato Regionale al Turismo e allo Sport, coinvolgerà i territori di Berchidda, Alà dei Sardi, Buddusò, Calangianus, Monti, Oschiri e Pattada. In diretta su Aci Sport Tv, canali 228 Sky e 52 Tv Sat,  la Ps4 “Pattada” e il riordino diretta dalle 10.20, in leggera differita a partire dalle 16.45 il secondo passaggio sulla speciale “Pattada” e l’arrivo finale. Lo stesso programma verrà invece trasmetto integralmente in diretta sulla Pagina Facebook Campionato Italiano Rally Terra.

 

Courtesy Ufficio Stampa – 20º Rally dei Nuraghi e del Vermentino

 

In allegato foto della Skoda Fabia Rs Rally2 di Andreucci-Briani e della Lancia Delta di Lucky-Pons (foto di Emanuele Perrone  – Rassinaby Racing)

Classifica Top15 Moderno:  1. Andreucci-Briani (SKODA FABIA RS RALLY 2) in 11’32.9; 2. Battistolli-Scattolin (SKODA FABIA RS RALLY 2) a 12.1; 3. Gryazin-Aleksandrov (SKODA FABIA RS RALLY 2) a 12.4; 4. Tali-Frau (SKODA FABIA EVO) a 27.4; 5. Dettori-Pisano (SKODA FABIA EVO) a 29.8; 6. Dati-Ciucci (SKODA FABIA EVO) a 34.8; 7. Lavio-Haataja (SKODA FABIA) a 35.8; 8. Oldrati-De Guio (SKODA FABIA EVO) a 39.5; 9. Grossi-Cardinali (SKODA FABIA) a 44.6; 10. Gianesini-Bergonzi (SKODA FABIA EVO) a 50.4; 11. Marrone-Fresu (SKODA FABIA EVO) a 1’00.3; 12. Fontana-Arnaboldi (PEUGEOT 208) a 1’01.4; 13. Vagnini-Rucker (SKODA FABIA EVO) a 1’08.9; 14. Siddi-Maccioni (SKODA FABIA) a 1’13.3; 15. Marchioro-Marchetti (PEUGEOT 208) a 1’21.9.

Classifica Rally Storico:  1. Battistolli-Pons (LANCIA DELTA) in 13’15.1; 2. Tonelli-Selva (FORD ESCORT RS) a 32.2; 3. Diana-Costa (FORD ESCORT RS) a 47.7; 4. Mazza-Cavalli (FORD ESCORT RS MKII) a 1’11.9; 5. Mura-Demontis (LANCIA DELTA) a 1’17.2; 6. Serpelloni-Petrin (FORD ESCORT) a 1’34.2; 7. Viola-Bressan (ALFA ROMEO 33) a 1’41.6; 8. Zandona’-Stoppa (RENAULT 5 GT TURBO) a 1’53.3; 9. Ormezzano-Torlasco (PORSCHE 911 SC) a 2’29.8; 10. Mannazzu-Bertoletti (RERNAULT R5 GT TURBO) a 2’41.6; 11. Lenzetti-Barsanti (LANCIA FULVIA COUPE’) a 2’59.2.

Classifica Cross Country:  1. Bordonaro-Lovisa (SUZUKI NEW GRAND VITARA) in 7’04.8; 2. Codecà-Toffoli (SUZUKI NEW GRAND VITARA) a 3.9; 3. Ferroni-Menetti (SUZUKI GRAND VITARA) a 14.4; 4. Mengozzi-Palladini (TOYOTA HILUX OVERDRIVE) a 16.9; 5. Spinetti-Giusti (NEW GRAND VITARA 1.9 DDIS 3P) a 34.9; 6. Morra-Sbaraglia (GRAND VITARA 2.0 3P) a 1’05.5; 7. Semeraro-Pirotta (NEW GRAND VITARA 1.9 DDIS 3P) a 1’29.4; 8. Andreetto-Andreetto (MITSUBISHI PAJERO EVOLUTION) a 1’35.6; 9. Cau-Sbaraglia (MITSUBISHI PAJERO) a 1’36.0; 10. Gazzetta-Gazzetta (SUZUKI JIMNY) a 1’36.1.

Classifica Ssv: 1. Ventura-Mingozzi (YAMAHA YXZ1000 R) in 6’38.0; 2. Bitti-Pirisinu (YAMAHA YXZ1000 R) a 29.2; 3. Catania-Marcon (CAN-AM MAVERICK) a 39.2; 4. Tomasini-Mirolo (YAMAHA YXZ1000 R) a 57.9.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi