Domenica 26 Maggio, aggiornato alle 15:17

Grig entra a Punta Giglio: nel mirino l’intervento di messa in sicurezza della falesia. Rischio frane contradditorio con il fenomeno naturale inarrestabile.

Grig entra a Punta Giglio: nel mirino l’intervento di messa in sicurezza della falesia. Rischio frane contradditorio con il fenomeno naturale inarrestabile.

“Con istanza del 16 agosto 2023 l’associazione ambientalista Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) ha richiesto accesso civico, informazioni ambientali e adozione degli opportuni provvedimenti in relazione al progetto definitivo dei “Lavori  di  mitigazione  del  rischio  frana  in  falesia  Punta Giglio  nel  Comune  di  Alghero” (importo complessivo euro 512.995,51).

Il progetto approvato nel 2022, afferma di avere quale obiettivo la mitigazione del rischio di frana e di erosione, ma riconosce che il fenomeno naturale è inarrestabile.

In buona sostanza, ne emerge la scarsa utilità nel medio/lungo periodo: l’interesse sotteso è forse rendere il mare sotto la falesia fruibile per il contiguo progetto inerente il prolungamento del c.d. Moletto Finanza con struttura rimovibile in legno e l’installazione di n.9 (nove) punti di ormeggio alla boa per imbarcazioni sino a 24 metri (importo euro 505.000,00), bandito nello scorso novembre 2022?

Infatti, attualmente circa 8 ettari di mare sotto la falesia, per una lunghezza di circa 400 metri, sono interdetti dall’ordinanza n. 51/2015 del 23 ottobre 2015 dall’Ufficio circondariale marittimo di Alghero per il rischio di caduta massi.

Ma il compito di un ente gestore di un’area naturale protetta è in primo luogo salvaguardare i valori naturalistici del sito o favorire il turismo nautico?

Con l’istanza ecologista sono stati coinvolti i Ministeri della Cultura e dell’Ambiente e Sicurezza Energetica, il Comune di Alghero, l’I.S.P.R.A., l’Azienda speciale di gestione del parco naturale regionale di Porto Conte, il Corpo forestale e di vigilanza ambientale, la Regione autonoma della Sardegna.

L’I.S.P.R.A. ha certificato (parere prot. n. 14824 del 25 marzo 2021) la presenza di avifauna marina e costiera, che rende le falesie di Punta Giglio un comprensorio particolarmente significativo entro la ZPS di Capo Caccia nonché nel contesto nazionale e mediterraneo“, fra cui la presenza del Gabbiano corso L. audouinii (una colonia …. unica nell’ambito della ZPS e di tutto il tratto costiero dal Sinis a Stintino)“, del Marangone dal ciuffo P. aristotelis, del Falco pellegrino F. peregrinus, nonché la nidificazione della Berta maggiore Calonectris diomedea.

Si ignora se siano state svolte le necessarie valutazioni ambientali.

Il GrIG ha chiesto che vengano svolti il procedimento di valutazione di incidenza ambientale (V.Inc.A.), necessario per tutti gli interventi in area appartenente alla Rete Natura 2000 come Punta Giglio, e il procedimento di verifica di assoggettabilità a valutazione d’impatto ambientale (V.I.A.), necessario per i progetti di “opere costiere destinate a combattere l’erosione” (decreto legislativo n. 152/2006 e s.m.i.).

Il rischio che lavori non certo indispensabili possano provocare danni a siti di nidificazione di specie avifaunistiche di primaria importanza è decisamente alto e il principio di precauzione, nonché le procedure di valutazione degli impatti sull’ambiente devono costituire un necessario vaglio molto puntuale e severo.

La preoccupazione per un’ulteriore e non richiesta antropizzazione del sito naturalistico è molto diffusa, non soltanto nella comunità algherese, tanto da aver dato luogo alla promozione della petizione Salviamo la falesia di Punta Giglio, promossa dal Comitato per Punta Giglio.

E’ ora di una corretta gestione ambientale in un’area naturale protetta” conclude la nota p. Gruppo d’intervento Giuridico (GrIG)a firma di Stefano Deliperi


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi