Sabato 13 Aprile, aggiornato alle 19:04

Nel prossimo settembre si darà attuazione agli aggiornamenti dei piani di gestione delle ZSC sulla Sella del Diavolo. Stop alle mountain bike

Nel prossimo settembre si darà attuazione agli aggiornamenti dei piani di gestione delle ZSC sulla Sella del Diavolo. Stop alle mountain bike

Buone notizie per la Sella del Diavolo e gli aggiornamenti dei piani di gestione delle ZSC che forniscono tutela – finora in parte solo sulla carta – al promontorio cagliaritano di grandissimo valore naturalistico e storico-culturale degradato da attività antropiche decisamente impattanti sui delicati habitat naturali.

Quanto emerge grazie alla sistematica campagna per la legalità e la salvaguardia della Sella del Diavolo posta in essere dal Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG) è, infatti, decisamente molto preoccupante ed è stato confermato sistematicamente dalle varie amministrazioni pubbliche competenti.

Ora il Comune di Cagliari – in particolare dopo l’ultima istanza GrIG (30 luglio 2023) – ha comunicato (nota D.G. prot. n. 240528/2023 dell’11 agosto 2023) di aver finalmente deciso di coinvolgere tutti i soggetti interessati (Regione autonoma della Sardegna – Assessorato Difesa Ambiente, Enti Militari titolari del relativo demanio, Corpo forestale e di vigilanza ambientale) entro la prima metà del prossimo settembre per “provvedere all’adozione di un’ordinanza di interdizione al transito delle biciclette da condividere con tutti gli enti interessati, nelle more …  della stesura e adozione del ‘piano degli accessi e della mobilità’” che in futuro riguarderà una delle due ZSC (la ZSC Monte Sant’Elia, Cala Mosca e Cala Fighera, nell’altra l’accesso sarà consentito solo a piedi).

Superate, quindi, le precedenti perplessità, si sta per giungere al provvedimento di inibizione del transito ciclistico oltre alla previsione di realizzazione di adeguata cartellonistica illustrativa e alla razionalizzazione della sentieristica, con il coinvolgimento della Regione autonoma della Sardegna – Servizio Tutela della Natura e Politiche Forestali, del Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale, nonché dell’Agenzia Forestas (sarebbero disponibili 80 mila euro in proposito).

Si ricorda che recentemente il Comune di Cagliari ha giustamente emanato l’ordinanza sindacale n. 84 del 18 luglio 2023 con cui vengono previste sanzioni (da 25 a 500 euro) per la violazione del divieto di transito e sosta sulle dune del Poetto, in applicazione dell’ordinanza balneare regionale 2023: sul piano giuridico è la medesima situazione relativa alle ZSC della Sella del Diavolo dove provvedimenti regionali (i decreti che approvano i piani di gestione delle ZSC) prevedono divieti di accesso alle mountain bike.

Si tratta di casi analoghi e non si può che avere il medesimo comportamento, buon senso e correttezza istituzionale da parte di un’Amministrazione comunale candidatasi per la seconda volta a Capitale europea del Verde.

Il GrIG esprime soddisfazione per l’annuncio comunale, in attesa della sua prossima formalizzazione.

p. Gruppo d’Intervento Giuridico (GrIG)

Stefano Deliperi


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi