Sabato 13 Aprile, aggiornato alle 19:04

Sassari – Alghero completamento: ” Ma quale sblocco? Colpevole ritardo. Anas ha aprovato il progetto esecutivo nel 2021″

Sassari – Alghero completamento: ” Ma quale sblocco? Colpevole ritardo. Anas ha aprovato il progetto esecutivo nel 2021″

Ma quale sblocco? Colpevole ritardo! – Non lo manda a dire l’ex Sindaco di Alghero  Mario Bruno che dopo l’annuncio di Anas, in città sono partiti commenti entusiastici, da una parte politica, in un territorio che da anni si è impegnato, in tutti i modi per tenere alta l’attenzione sul completamente di una strada atteso da anni. E l’ex Sindaco Mario Bruno cita fatti e atti, a significare che qual che è avvenuto in queste ore, è segnato comunque da un ritardo incredibile, con responsabilità precise, che oggi non si possono mascherare. Si legge:

“Il Consiglio di Amministrazione dell’Anas ha approvato il progetto esecutivo dell’intervento sulla Strada Statale 291 “Sassari-Alghero” il 21 dicembre 2021. E per quasi due anni il commissario per le opere strategiche in Sardegna, Christian Solinas, è rimasto fermo. Questa è la vera notizia. I trionfalismi fuori luogo del Presidente Pais si scontrano con la realtà: quello di oggi è solo un adeguamento del progetto in seguito al reperimento di risorse aggiuntive, dovute, visto il forte ritardo con cui si va in appalto. Le risorse principali sono quelle dello sblocca Italia e dei governi nazionali e regionali di centrosinistra negli anni 2014-2015. L’adeguamento progettuale, atto dovuto, arriva in forte ritardo, dopo le rassicurazioni di Solinas che un anno fa certificava, proprio da Alghero, di averle reperite dal definanziamento della strada 554 nel cagliaritano, nel tratto allora non cantierabile. Poi, col ministro Salvini prometteva lo sblocco entro Natale. Un mese fa, Ministro e Presidente-Commissario annunciavano l’appalto entro questo luglio. Che invece è passato senza alcuna gara. Solo un comunicato e un atto dovuto di adeguamento progettuale. Si vada subito in appalto. Basta promesse elettoral”, conclude Mario Bruno.

F.to

Mario Bruno


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi