Giovedì 25 Luglio, aggiornato alle 1:01

VIDEO – Stadio Mariotti, campo di gioco bello all’apparenza, il resto però necessità di interventi radicali

VIDEO – Stadio Mariotti,  campo di gioco bello all’apparenza, il resto però necessità di interventi radicali

Esattamente il 5 marzo 2022 chiudeva ufficialmente l’Hub del Mariotti, la struttura deputata alla vaccinazione dei cittadini, dopo aver somministrato, ricordiamo, non meno di 160.000 inoculazioni. Il Mariotti, lo stadio storico di Alghero, è stata la struttura logistica identificata per fornire il necessario supporto all’attività sanitaria in piena pandemia.

Da allora l’amministrazione comunale, sommessamente, ha tentato di ripristinare il manto erboso del terreno di gioco. Campo ricordiamolo interessato come area di parcheggio, come area transito,  di un mega gazebo offerto dalla Protezione civile regionale, per poter accogliere le tante persone che attendevano il proprio turno  di vaccinazione, prima sistemate  all’aria aperta, sotto il sole e persino sotto la pioggia.

Ieri il colpo d’occhio che ci regalava il Mariotti sembrava quello di un tempo, indietro di due almeno due lustri. Voloci sono passati  ricordi indelebili di un tempo in cui, il calcio, quello della Polisportiva Alghero, poi dell’Alghero calcio Srl,  dettava  regole a tanti, su un terreno in cui  si sono consumate battaglie calcistiche epiche, vittorie fantastiche e sconfitte brucianti, al cospetto di migliaia di tifosi e di un tifo organizzato dai mitici, e mai dimenticati giovani del trauma alcoolico. Acqua passata che non torna più.

Erba rasata, in ordine, ma difficilmente il prato sarà privo di avvallamenti, tipici,  dopo che su di lui sono transitate centinaia e centinaia di vetture, camion carichi persino di blocchi in cemento armato.

Ma qualcosa sta a significare.

Vedere il prato, almeno all’apparenza, in ordine, significa che l’amministrazione sta destinando alla struttura l’attenzione dovuta. La penuria di campi di calcio in città, e il sapere che due società potrebbero in maniera repentina bussare e chiedere all’amministrazione uno spazio consono, induce la politica ad agire con molta attenzione.

Il Mariotti almeno, il campo di gioco, potrebbe essere in buono stato, gli avvallamenti potrebbero essere eliminati con una rullata mirate,  ma è il resto che lascia perplessi.

Parliamo degli spazi che dovrebbero ospitare il pubblico, ovvero tribuna centrale e gradinata.

La tribuna centrale ricordiamolo e dotata di una copertura che ha necessità, dopo tanti anni, di essere controllata nel dettaglio e collaudata. La stessa tribuna, vista in un unico blocco appare come una gigantesca barriera architettonica, priva di corrimano e le stesse scalinate per la salita sono prive di ogni supporto.

Difficile rendere agibile una struttura di tale portata senza interventi di messa in sicurezza davvero importanti.  Lavori, ad oggi, non se ne vedono.

La gradinata, tolta qualche parte in pessimo stato, dove il cemento è stato rimosso proprio dagli agenti atmosferici e dall’incuria, potrebbe essere quella che, ironia del caso, potrebbe essere disponibile prima di tutto.

Non vogliamo dire persino che l’impianto difetta  di impianto di illuminazione, rimosso pro tempore, diventato poi per sempre.

In stato precario persino gli accessi, dal lato via Michelangelo, in tribuna, si accede transitando sullo sterrato, che diventa fango alla prima pioggia che cade.

Sono  da ripristinare i servizi Igienici, ubicati sotto la tribuna ed è dovuta anche la rivisitazione delle biglietterie, recuperate nel lato di via Vittorio Emanuele .

Ma la nota dolente riguarda gli spogliatoi, che necessitano di interventi radicali di messa a norma dell’impianto, sia elettrico che idrico.

Anche qui è stato annunciato che l’amministrazione sta predisponendo un progetto per adeguare la struttura alle necessità, ma come detto i lavori non si vedono.

Aspettando un progetto che rivoluzioni completamente l’unica struttura che ad Alghero può ospitare il grande pubblico per assistere a una partita di calcio, godiamo del filmato del terreno di gioco,  bello rasato e in ordine ( all’apparenza) per ora. Al resto….

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi