Mercoledì 24 Aprile, aggiornato alle 21:38

Tonno in decomposizione all’interno dell’AMP del Parco, si cercherà di capire le cause della sua morte

Tonno in decomposizione all’interno dell’AMP del Parco, si cercherà di capire le cause della sua morte

200 kg di peso 2,80 mt di lunghezza, in stato di decomposizione.

Sono queste le misure del tonno rinvenuto ieri nella baia delle Nife da un surfista della zona. Ed è raro vedere un tonno ridotto in quelle condizioni poiché è uno dei pesci più longevi in acqua.

“Il tonno è un combattente possibile abbia tentato a liberarsi sino a farsi scoppiare il cuore”, sono le parole di un pescatore che  stava osservando le operazioni all’interno dell’Area Marina Protetta, sulla spiaggia di Mugoni, nel Parco di Porto Conte, ma ricordiamo che l’attività vede in primo piano impegnati gli uomini della Capitaneria di Porto di Alghero

Il vero peccato è che sia in decomposizione, poiché se si fosse rinvenuto ferito, si sarebbe attivata tutta la filiera per poterlo restituire al mare

Si sta procedendo al suo affondamento a largo, dopo rilevazione biometrica da parte dei tecnici  dell’Area Marina Protetta, e visita della ASL, poiché si vuol capire la causa della sua morte .

Sul corpo del tonno sono presenti segni di sfregamento da lenza.

Altra ipotesi è che il tonno sia rimasto impigliato  all’amo di un pescatore dilettante, che incapace e sprovveduto, abbia tentato vanamente di catturare il bell’esemplare, ma dopo lunga lotta sia stato il tonno ad avere la peggio poiché stremato.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi