Domenica 26 Maggio, aggiornato alle 15:17

Tra la Barbagia e Parigi: si apre così la prima giornata di ASINCRONIE

Tra la Barbagia e Parigi: si apre così la prima giornata di ASINCRONIE

Martedì 27 giugno al Cityplex Moderno in proiezione a ingresso libero “Villaggio di banditi” in collaborazione con Cineteca Sarda – Società Umanitaria e “Daguerréotypes” di Agnés Varda in collaborazione con Cineteca di Bologna. Ancora aperte le iscrizioni ai laboratori di fotografia e di cinema in super 8 e la prenotazione per la lettura portfolio con Alberto Prina il direttore del Festival della Fotografia Etica

 

SASSARI      La Barbagia di metà anni Sessanta raccontata da una troupe della Tv svedese e il microcosmo di una strada parigina a metà dei Settanta filmata da Agnés Varda, pioniera della Nouvelle Vague, straordinaria narratrice del reale e prima regista donna a ricevere l’Oscar alla carriera.

 

“Villaggio di banditi. Banditbyar” (1967) di Lars Madsén e “Daguerréotypes” (1976) di Agnés Varda aprono martedì 27 giugno alle 21 al Cinema Cityplex Moderno (ingresso libero) la prima giornata di proiezioni di Asincronie- Festival di Cinema Documentario e Fotografia, ideato e curato dal collettivo di registi e fotografi 4caniperstrada con il patrocinio della Fondazione Alghero, e il sostegno della Fondazione di Sardegna e la Regione Sardegna. La quarta edizione del festival, il cui tema quest’anno è il rapporto tra urbano e umano, prosegue fino a domenica 2 luglio con una serie di appuntamenti a Sassari e Alghero (programma completo: www.asincronie.net)

 

Il primo film in visione martedì, “Villaggio di banditi”, è uno dei preziosi documenti audiovisivi custoditi negli archivi della Cineteca Sarda – Società Umanitaria e sarà presentato dal direttore del Centro servizi culturali Antonello Zanda. Realizzato nel 1967, il documentario fa parte di una serie sulla Sardegna prodotta dalla televisione svedese e si discosta daaltre produzioni straniere coeve per il tentativo di approfondire il tema sociale ed economico. Un viaggio attraverso i paesi della Barbagia come Orgosolo, Desulo, Fonni, Dorgali, Cala Gonone, Arzana e Oliena dove si sperimenta l’ospitalità e non l’assalto di banditi.

 

Daguerréotypes” (proiezione in collaborazione con Cineteca di Bologna) è un documentario creativo al cui interno realtà e finzione si mescolano sapientemente. Per Agnés Varda, che lo girò nel 1976 in rue Daguerre, a Parigi, rappresentava «un documento modesto e locale su alcuni piccoli commercianti, uno sguardo attento sulla maggioranza silenziosa. È un album di quartiere, sono ritratti stereo-dagherrotipati, sono archivi per gli archeo-sociologi dell’anno 2975».

 

Anche quest’anno Asincronie propone due laboratori sul cinema e la fotografia. Il primo, a cura di Arianna Lodeserto, si intitola “Guida bella ai posti brutti” ed è un laboratorio di scrittura fotografica e perlustrazione urbana; il secondo, “A passo ridotto”, a cura di Riccardo Pascucci, si propone di esplorare il formato ridotto nel cinema attraverso cenni storici e tecnici e sperimentare la ripresa con cineprese analogiche e pellicole super 8. Un appuntamento imperdibile per i fotografi è poi quello con Alberto Prina, l’ideatore e coordinatore del Festival della Fotografia Etica di Lodi, che domenica 2 luglio farà una lettura portfolio gratuita. (info, iscrizioni ai laboratori e prenotazione lettura portfolio: info@4caniperstrada.net)


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi