Martedì 21 Maggio, aggiornato alle 7:57

Impianto di trasformazione dall’alta tensione alle porte della città, Pirisi ( Pd): localizzazione non adeguata, per sicurezza e vicinanza al centro abitato

Impianto di trasformazione dall’alta tensione alle porte della città, Pirisi ( Pd): localizzazione non adeguata, per sicurezza e vicinanza al centro abitato

Ad Alghero è prevista la realizzazione di un nuova cabina primaria nell’area  di Alghero Sud, da parte di e-distribuzione. La cabina primaria è un impianto che effettua la trasformazione dall’alta tensione a 150 kV delle Rete di trasformazione nazionale ( Terna), alla tensione di 15 kV al fine di poter alimentare le cabine secondarie della rete e-distribuzione. Un progetto, l’ennesimo che ad Alghero plana dall’alto, ed è la politica, e un comitato spontaneo, che si fa carico di opporsi, visti i risvolti insiti in una struttura che risulta essere troppo a ridosso della città, dei suoi nuclei abitativi. Ancora una volta Mimmo Pirisi, propone il tema all’attenzione della città, alla sensibilità dei cittadini, non per bloccare il progetto e il progresso, ma per poter fare massa critica verso la deviazione possibile e l’identificazione da parte dei rappresentanti dei cittadini in seno alle istituzioni, di un sito appropriato, dove il progetto trovi la corretta collocazione nel rispetto di tutti. Perchè condividere e dibattere, nei modi e nei tempi corretti non è sinonimo dedebolezza.

Afferma Mimmo  Pirisi : Commissione consultiva stamane a Porta Terra sulla realizzazione da parte dell’Enel di una nuova centrale elettrica alle porte della città. L’Ubicazione prevista  nella parte Sud, a pochi metri dal centro abitato , dalla casa per anziani e da qualche albergo.  Ancora una volta ci troviamo a dover condividere un progetto calato dall’alto e che in questo caso ,parrebbe, abbia avuto anche un via libera ( almeno a parole dagli uffici comunali ).  Questo è quello dichiarato dai progettisti dell’Enel , per questo abbiamo cercato di capire il più possibile, sia dai funzionari comunali, che  dai tecnici Enel, insieme al  comitato spontaneo nato per bloccare questa iniziativa, i particolari del progetto. Se avevamo qualche dubbio qualche settimana fa, oggi siamo ancora più convinti ( almeno come opposizione) che questa localizzazione non è adeguata per una serie di ragioni, prime fra tutte  sicurezza , vicinanza all’abitato e anche all’utilità paventata del progetto. Non credo, salvo sorprese alla prova dei fatti,  che questa pratica possa ottenere il via libera del consiglio comunale, ma questo lo  vedremo nelle prossime settimane, soprattutto  se l’Enel insisterà con il progetto fino ad arrivare all’esproprio per uso pubblico paventato nell’incontro di oggi,  o come chiesto dai consiglieri e dal comitato spontaneo si lavori per una location diversa, meno impattante e più sicura per gli abitanti.  Di sicuro il voto dell’opposizione sarà contrario “ conclude Mimmo Pirisi Capo gruppo PD Alghero.

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi