Sabato 13 Aprile, aggiornato alle 23:52

Una “cintura” verde marina dalla Sardegna al Mar Baltico per contrastare la perdita di biodiversità degli oceani

Una “cintura” verde marina dalla Sardegna al Mar Baltico per contrastare la perdita di biodiversità degli oceani

Tre fondazioni europee per la conservazione marina si sono unite per rafforzare le misure di protezione marina internazionale e il benessere dei mari. La coalizione mira ad aumentare il numero di praterie di fanerogame marine dal Mar Baltico al Mediterraneo

 

Helsinki, 08/06/2023 – Le tre fondazioni europee per la conservazione marina, la John Nurminen Foundation (Finlandia), la Fondation de la Mer (Francia) e la Fondazione MEDSEA (Italia), stanno lavorando insieme per rafforzare le misure di protezione marina internazionale. Insieme, le organizzazioni hanno recentemente formato una coalizione, il cui primo progetto concreto lanciato nel 2023 mira a ripristinare gli habitat costieri delle fanerogame marine e a formare una “cintura verde” sottomarina dal Mediterraneo alla costa del Baltico.

 

Le praterie sottomarine di fanerogame marine sono vitali per la biodiversità marina. Forniscono cibo e rifugio a centinaia di specie lungo le coste dell’Europa, dalle latitudini settentrionali alle regioni meridionali del Nord America ed Eurasiatico. Le radici di queste praterie legano il sedimento di fondo, riducendo l’erosione e la torbidità dell’acqua. La qualità dell’acqua migliora anche grazie ai nutrienti da parte delle praterie. Le praterie di fanerogame marine sono anche efficaci serbatoi di carbonio.

 

Nel Mediterraneo e nel Mar Baltico, le praterie di fanerogame marine sono formate principalmente da diverse specie (Posidonia oceanica nel Mediterraneo, Zostera marina nel Baltico), ma possono essere ripristinate con azioni simili: piantando piantine in nuovi habitat di crescita adatti. Quest’anno tutte e tre le fondazioni ripristineranno le praterie di fanerogame marine, alcune in collaborazione con le autorità locali.

 

In Finlandia, con il progetto Baltic Seagrass verranno piantate 1000 piantine di posidonia lungo la costa del Golfo di Finlandia nel corso del 2023. A causa della bassa salinità del Mar Baltico settentrionale, la posidonia non produce semi sulla costa finlandese e, pertanto, tutte le piantine di posidonia devono essere raccolte dalle praterie naturali. L’obiettivo dei primi impianti del progetto Baltic Seagrass in Finlandia è quello di stabilire una fiorente prateria di posidonia, che potrebbe essere utilizzata anche come fonte di piantine per futuri impianti nei prossimi anni.

“Insieme creiamo un impatto maggiore nel ripristino della natura marina. Questo sforzo congiunto ci avvicinerà a un pianeta blu più sano. Le praterie di fanerogame marine sono un habitat importante per la vita marina negli oceani del mondo e nel nostro Mar Baltico. Quindi, questa è una grande opportunità per impegnarsi in una collaborazione che aumenterà la biodiversità marina”, afferma Annamari Arrakoski-Engardt, CEO della John Nurminen Foundation.

 

La Fondation de la Mer sostiene progetti ad alto impatto scientificamente validati volti alla protezione e al ripristino della biodiversità marina. Nel Mediterraneo, sono stati supportati due progetti di trapianto di posidonia, che hanno comportato il trapianto di 28.000 piante.

 

“Il monitoraggio scientifico in corso mostra un tasso di successo dell’80%. Le nostre nuove missioni pianificate per il 2023 ripristineranno diversi ettari. È in corso anche un progetto per ripristinare una prateria di posidonia sulla costa atlantica francese”, sottolinea Alexandre Iaschine, Délégué Général della Fondation de la Mer.

 

Le attività di riforestazione marina in Italia continuano con l’obiettivo di reimpiantare 1.000.000 di piantine di Posidonia oceanica (specie endemica del Mediterraneo) entro la prossima decade in tutto il Mediterraneo. L’ambiziosa attività è guidata dalla Fondazione MEDSEA che, nell’ambito del suo progetto “Una foresta marina per salvare il Mediterraneo”, ha iniziato diverse attività già negli anni passati al largo delle coste della Sardegna (Sinis e Villasimius) e nei prossimi giorni ripartirà con le operazioni a mare all’interno dell’Area Marina Protetta di Capo Carbonara.

 

“Le praterie di Posidonia Oceanica sono in declino in tutto il Mediterraneo e una delle principali cause è l’impatto umano, in particolare la pesca a strascico praticata illegalmente vicino alla costa e l’ancoraggio non corretto che può creare discontinuità nel manto che – nel lungo periodo – contribuisce al degrado delle praterie circostanti”, spiega Alessio Satta, presidente della Fondazione MEDSEA. Secondo Satta. “Ripristinando le praterie marine, si accelerano i tempi di ripresa e si rafforzano le difese naturali degli ecosistemi anche in condizioni di stress dovute al cambiamento climatico”, spiega Satta.

 

La coalizione di conservazione finlandese-italiano-francese, nella sua prima azione coordinata, mira a rafforzare la comprensione comune della conservazione marina, sensibilizzando sull’importanza della vita negli oceani per la biodiversità e per la vita umana.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi