Sabato 13 Aprile, aggiornato alle 23:52

Premio Panathlon Sardegna a Gianfranco Zola: un modello da seguire per i giovani. Appuntamento al CarlosV il 24 Giugno

Premio Panathlon Sardegna  a Gianfranco Zola: un modello da seguire per i giovani. Appuntamento al CarlosV il 24 Giugno

Il Governatore del Distretto Italia Area n. 13 Sardegna Francesco Sanna comunica che sabato 24 giugno 2023 presso la sala Conferenze dell’ hotel Carlos V Lungomare Valencia ad Alghero
avverrà la consegna del premio Premio Panathlon Sardegna a Gianfranco Zola.

Il Premio Panathlon Sardegna è rivolto a quelle figure di sportivi che si sono particolarmente distinti per talento, ma soprattutto, per quei valori che solo lo Sport
può e deve dettare.
Lo sport è diventato nel corso della storia, il sale della vita, va a cercare la paura per dominarla, la fatica per trionfare, le difficoltà per vincere.
Nello Sport si vince senza uccidere contrariamente alle guerre dove si uccide senza vincere, nello Sport, si vinca o si perda, l’atleta diventa l’attore protagonista che dovrebbe coniugare capacità talentuose a stili di vita.
Gianfranco Zola rappresenta quel modello di sportivo che tanto ha dato allo Sport nazionale e internazionale, tanto ha dato alla nostra terra ma, soprattutto, costituisce stimolo ed esempio per tutti quei giovani che, ad ogni livello, praticano una qualsiasi disciplina sportiva all’insegna del rispetto delle regole, dell’avversario e della lealtà sportiva. Congratulazioni Gianfranco” CONCLUDE
Francesco SANNA Governatore AREA 13 – Sardegna

Il Premio Panathlon Sardegna è stato consegnto nel 1989 a Salvatore BurrunI di Alghero per il Pugilato, Nel 1996 a Giovanni Puggioni di Sassari  per l’atletica Leggera, Nel 1999 all’Equipaggio Botta Dritta di La Maddalena per la Vela, nel 2016 a Giovanni Achenza di Oschiri PARA olimpico di  Triathlon

Gianfranco Zola
Nasce ad Oliena (NU) dove muove i primi calci nella Corrasi, squadra del paese di
nascita. Nel 1984 passa alla Nuorese dove si delinea già un futuro professionistico.
Nel 1986 viene ingaggiato dalla Torres in serie C e dopo tre anni il grande salto in
serie A nel Napoli a fianco alla leggenda Diego Armando Maradona. Al primo anno
nel Napoli arriva anche il suo primo scudetto, lo stesso Maradona, prima di lasciare il
Napoli, gli affida la maglia n. 10 riconoscendolo suo degno erede. Nel Napoli segna
32 reti in 105 partite, nel 1991, viene convocato in nazionale da Arrigo Sacchi.
Nel 1993 viene acquistato dal Parma dove vince la Coppa Uefa.
Nel 1994 disputa negli USA con la Nazionale Italiana il Campionato del Mondo. Nel
1996 vola in Inghilterra chiamato da Gianluca Vialli nel Chelsea dove vince tutto ciò
che vi era da vincere.
Magic Box è il giocatore di calcio più amato dagli inglesi e la regina Elisabetta gli
conferisce la prestigiosa onorificenza di “Membro onorario dell’Impero Britannico”.
Nel 2005 rientra in patria con il Cagliari in serie B riportando la squadra del cuore in
un solo anno in serie A suon di goal.
Terminata la carriera di calciatore, comincia quella da allenatore e dirigente,
attualmente è Vice Presidente della lega Pro


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi