Lunedì 27 Maggio, aggiornato alle 22:26

Mimmo Pirisi sulla Tari rilancia: bocciata una nostra risoluzione che proponeva di destinare quote dell’avanzo primario

Mimmo Pirisi sulla Tari rilancia: bocciata una nostra risoluzione che proponeva di destinare quote dell’avanzo primario

Aumenti,  delle tasse e come ovvio la politica locale si divide. L’opposizione grida per gli incrementi per tutte le famiglie algheresi. La bolletta Tari crescerà di un 5% rispetto allo scorso anno che si sommerà al 5% di aumenti del 2022 e a quelli già deliberati dal centrodestra negli anni precedenti, hanno affermato.

La risposta della maggioranza parla di mistificazione, che si è riusciti a contenere e dimezzare gli aumenti, portandoli al 4% circa per le utenze domestiche ed al 2% per le non domestiche.

Interviene l’esponente del Pd in Consiglio Comunale, Mimmo Pirsi a supporto delle sue affermazioni fornisce copia della risoluzione proposta dalla minoranza di Csx, rigettata dalla maggioranza di Conoci. Si chiedeva di destinare una quota dell’avanzo disponibile, si parla di circa 7 milioni di euro,  per ridurre le tariffe TARI, quota pari a quella necessaria per coprire gli effetti dell’aumento delle tariffe.

Scrive Mimmo Pirisi: “E stata persa nell’ultima seduta consiliare l’opportunità di aiutare le famiglie algheresi intervenendo sulla tassa sui rifiuti la cosiddetta “Tari ” un tributo che in questi ultimi 4 anni è aumentato costantemente con percentuali dal 5 al 10 % , aumenti che nonostante i risparmi sulla differenziata e sulla lotta all’evasione non si sono mai bloccati . Quest’anno nell’ultima seduta consiliare l’amministrazione aveva l’opportunità , anche grazie ad una risoluzione proposta dall’opposizione,  che proponeva di utilizzare una quota dell’avanzo di amministrazione 2022 ( nella parte dell’avanzo libero ) di coprire l’aumento deciso per il 2023. Una proposta di buonsenso bocciata dall’amministrazione di centro destra che da una parte fa annunci di risparmi e dall’altra aumento tutto quello che si può. Sono  aumentate la Tari, l’IRPEF per finire all’Imu anch’esso alle percentuali massime comunali . Anche quest’anno per il quarto anno consecutivo ci saranno aumenti generalizzati a tutti, nonostante l’impegno dei nostri concittadini ad essere più virtuosi nel differenziare i rifiuti . E’ un’occasione persa per dare un segnale di inversione di tendenza non voluta da questa amministrazione che preferisce fare cassa su tutto”, conclud il Capo gruppo PD Alghero Mimmo Pirisi


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi