Venerdì 21 Giugno, aggiornato alle 16:25

La delegazione algherese dell’Accademia Italiana della Cucina in Corsica, Aldo Panti annuncia un evento culturale in autunno

La delegazione algherese dell’Accademia Italiana della Cucina in Corsica,  Aldo Panti annuncia  un evento culturale in autunno

Da Alghero a Bastia per promuovere la cucina sarda. La delegazione algherese dell’Accademia italiana della cucina in Corsica per avviare uno scambio culturale e delle tradizioni culinarie della nostra isola

L’obiettivo è quello di valorizzare le antiche ricette e i prodotti italiani e della Sardegna. Quindi mettere in risalto i punti comuni tra la cucina sarda e quella corsa, far conoscere le tradizioni culinarie e avviare una collaborazione tra istituzioni e operatori della ristorazione delle due isole. E, infine, realizzare una pubblicazione che raccolga le ricette identitarie sardo corse. Si è basato su questi punti l’incontro che, nei giorni scorsi, ha visto la delegazione algherese dell’Accademia italiana della cucina protagonista a Bastia.

La delegazione algherese, guidata da Aldo Panti e alla presenza della vice delegata Maria Regina Corona, ha incontrato il sindaco di Bastia Pierre Savelli – da sempre sostenitore della Cultura come “prerequisito” per una cooperazione mediterranea – quindi il rappresentante della Collectivitè territoriale della Corsica, Jean-Luis de Zerbi, da vent’anni impegnato in progetti comunitari transfrontalieri.

“Siamo convinti che la cucina sia un elemento costitutivo della cultura di un popolo – ha rimarcato Aldo Panti – e lo scambio delle conoscenze non può che rappresentare una crescita reciproca”.

Ecco perché, oltre alla realizzazione di una pubblicazione, la delegazione dell’Accademia della cucina italiana ha trovato nel sindaco di Bastia l’interesse per l’organizzazione di un evento culturale autunnale. Due serate che consentiranno la promozione delle due culture isolane, della lingua, della cucina e dei prodotti locali sardi e corsi.

“Ad accomunare le cucine sarda e corsa – ha detto ancora Aldo Panti – sono i prodotti tipici di filiera corta ma anche le contaminazioni italiane nei loro piatti. Si aggiunga la comunanza tra i prodotti della pastorizia, come i formaggi e gli insaccati”.
Un primo approccio alla cucina corsa quindi è stato offerto dal ristoratore Jean Michel Cardi, che si è candidato a ospitare l’evento autunnale.

Durante l’incontro con l’amministrazione comunale di Bastia, sindaco Savelli e assessore alla Cultura Alessandro De Zerbi, il delegato dell’Accademia ha donato alcuni libri su Alghero e sulla territorio del Sassarese, concessi dal sindaco della città catalana, Mario Conoci, e dall’amministratore straordinario della Provincia di Sassari, Pietrino Fois.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi