Domenica 23 Giugno, aggiornato alle 18:47

VIDEO – Il primo tragurdo la Fc Alghero lo ha raggiunto, altri potrebbero arrivare. E’ la società-squadra rivelazione dell’anno

VIDEO – Il primo tragurdo la Fc Alghero lo ha raggiunto, altri potrebbero arrivare.  E’ la società-squadra rivelazione dell’anno

 

Una grande giornata quella di ieri, vissuta sul campo della Junior Ozierese. La FC Alghero vince con grande merito, stacca il biglietto con due giornate di anticipo per la seconda categoria. Un’altra bella pagina del calcio algherese che viene consegnata alla storia, da qualunque parte la si guardi.

Una squadra nata quasi per gioco, a metà strada tra la scommessa è un pizzico di follia, si è imposta all’attenzione dei media e della comunità e della Federazione, nonostante abbia disputato il campionato nella prima fascia di partenza, quella terza categoria che molti denigrano, non conoscendola, ma che alla prova dei fatti a stata a tutti gli effetti un campionato di valore, con tutte le insidie che questo può comportare.

Si parla di questo solo dopo aver visto, con il sole, con la tramontana, con la pioggia 22 partite di una squadra che avuto da parte del suo tecnico, un bollino che l’ha contraddistinta: la mentalità vincente.

Facile da dirsi ma non altrettanto da farsi, perché si parla di una squadra pianificata nel mese di febbraio( lo dice mister Pippo Zani e per noi è una novità,) che alla fine si è fatta trovare pronta, con una rosa di giocatori tutti motivati, tutti capaci con il proprio apporto, di incastrarsi in un puzzle che alla fine si è dimostrato vincente.

Ora si guarda al futuro, con due giornate di anticipo, con la promozione in tasca, il futuro si chiama seconda categoria, sempre che non avvengono sconvolgimenti clamorosi, che nel mondo del calcio sono sempre dietro l’angolo.

 Il tecnico si dichiara pronto, comincia guardare all’interno del gruppo chi e quanti soprattutto, potranno continuare all’interno di un progetto, che oggi è solo all’inizio.

La FC Alghero porta in città la terza promozione, la terza festa, nel mondo del calcio, ripartito quest’anno con il botto. e questa società, è l’autentica rivelezione dell’anno nel campo calcistico. Si è imposta all’attenzione di tutti grazie a una pianificazione meticolosa, a una organizzazione nella comunicazione e promozione del brand Fc Alghero di alto livello. Una strategia che ha fatto bene al calcio, che ha restituito tanto a chi ci ha investito, che è solo all’inizio, di un effetto trascinamento che sta dando i frutti sperati.

 Ora come da tempo sosteniamo, il gioco si fa davvero impegnativo. Non basta solo l’entusiasmo, ci vogliono ora gambe tecnica e testa perché questa squadra possa ancora continuare a scalare le categorie calcistiche, nel rispetto e nella pianificazione degli obiettivi prefissati.

Sentire l’intervista del tecnico condottiero, che con questa squadra, ad ora, ha letteralmente sbagliato il campo degli avversari, si capisce che in pentola bolle tanta roba.

Progetti intenzioni, contatti, a sentir le chiacchiere da bar dello sport, addirittura ci sarebbe molto di più.

Ma su tutto frena, con autentiche secchiate di acqua gelida, il patron della squadra Andrea Alessandrini, che continua a dire che prima di tutto bisogna chiudere la pratica, finire il campionato, dopodiché si vedrà cosa c’è intorno, che cosa si potrebbe fare, nell’ambito del possibile, alzare il livello del gioco di questa squadra in categorie superiori. Perché sia chiaro niente si lascerà di intentato, perché questa squadra composta da un team di giovani, dove l’entusiasmo è inarrestabile, potrebbe trovare nel patron Andrea Alessandrini, letteralmente conquistato dal gioco calcio, il fulcro di un progetto che potrebbe riservare non poche sorprese.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi