Domenica 23 Giugno, aggiornato alle 18:47

Sa Die de Sa Sardigna 2023. Festa e protesta della comunità sarda di Torino

Sa Die de Sa Sardigna 2023. Festa e protesta della comunità sarda di Torino

Come ogni anno l’Associazione Sardi Gramsci celebra “Sa die de Sa Sardigna” e, a trent’anni dalla sua istituzione, chiama la comunità sarda del Piemonte a festeggiare la ricorrenza e non solo.

“Rompiamo l’isolamento” è il tema della manifestazione che si terrà venerdì 28 aprile alle 17 nella Piazza Palazzo di Città del capoluogo piemontese per rivendicare il potenziamento della continuità territoriale aerea Sardegna-Piemonte. Durante manifestazione, cui hanno assicurato la presenza i soci Marco Grimaldi deputato e Toni Ledda Consigliere comunale saranno lette pagine di Grazia Deledda, Emilio Lussu, Antonio Gramsci e Maria Giacobbe accompagnate dal suono delle launeddas e l’organetto di Marco Lisai.

La celebrazione torinese de “Sa Die” sarà anche l’occasione per ribadire il NO all’uso massiccio del territorio sardo per fini militari. Dal 23 aprile sino al 6 maggio ancora una volta la Sardegna diventa un enorme palcoscenico di guerra: l’esercitazione “Mare aperto 2023” sarà la più grande esercitazione militare di sempre coinvolgendo gli eserciti e mezzi di 23 nazioni, seimila uomini in tutto. Come se non bastassero gli oltre 35mila ettari sottoposti a servitù militare e la presenza dei tre poligoni più grandi d’Europa: Teulada, Quirra-San Lorenzo e Capo Frasca verranno ulteriormente interdette al libero transito ampie zona di terra e di mare.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi