Martedì 21 Maggio, aggiornato alle 7:57

CHENÀBURA CHE ASSOCIA EBREI E NON EBREI SARDI COMMEMORA IL 25 APRILE E LA LIBERAZIONE.

CHENÀBURA CHE ASSOCIA EBREI E NON EBREI SARDI COMMEMORA IL 25 APRILE E LA LIBERAZIONE.

Lunedì 24 aprile alle ore 13,30, una delegazione dell’Associazione Chenàbura-sardos pro Israele e dell’Associazione Memoriale Sardo della Shoah, guidata dai rispettivi Presidenti Mario Carboni e Alessandro Matta si recherà nel Sacrario Militare Inglese del Cimitero di San Michele dove, accesa una candela rivolta alla tomba del soldato sudafricano di religione ebraica L. Joseph, sarà recitata da Yakov Halevy una preghiera ebraica e i presenti deporranno sulla stele dei sassolini alla maniera ebraica per commemorare oltre al suo sacrificio tutti i caduti per la libertà rinnovando la promessa di non dimenticare affinché ciò che è accaduto non possa più ripetersi.
Oltre alla figura di Joseph L. nella cerimonia di lunedì saranno ricordate le altre figure della resistenza e della guerra di liberazione connesse alla Sardegna o che passarono dalla nostra isola
Come ogni anno l’Associazione Chenàbura-sardos pro Israele il 25 festeggia autonomamente la Liberazione e la riconquista delle libertà democratiche.
L’occasione consente di commemorare tutti i caduti civili e militari nella Resistenza e nella Guerra di Liberazione delle formazioni partigiane e delle truppe alleate che risalirono la Penisola compresa la Brigata ebraica.
In particolare l’Associazione Chenàbura ricorda i resistenti, i combattenti e i caduti ebrei per le libertà democratiche e che lottavano anche contro il razzismo nazifascista che aveva come suo programma centrale l’eliminazione totale ed ovunque del popolo ebraico riuscendo purtroppo a realizzare la Shoah.
Quest’anno, l’Associazione Chenàbura oltre onorare la Brigata ebraica e i partigiani ebrei che operarono in Italia, ha ritenuto di ricordare i tanti caduti ebrei che diedero la propria vita nelle fila
degli eserciti alleati. L’occasione esemplare è data dalla presenza a Cagliari della tomba di un caduto di fede ebraica nel Cimitero militare nel quale sono sepolti 60 caduti inglesi e provenienti da diversi paesi del Commonwealth,.
Si tratta del soldato L. Joseph di 31 anni, figlio di Moses, che morì nel Giugno del 1943 e identificato dalla stele tombale che riporta una grande Stella di Davide con all’interno da
destra a sinistra le cinque lettere in ebraico Tav, Nun, Tzadi, Bet, Hey. Queste lettere sono le iniziali della parole Tehey Nismato Tzurah B’tzror Hachaim che corrispondono alla frase “ Possa essere la sua anima avvolta dalle catene della vita eterna”.
Nel Sacrario militare inglese di Cagliari sono sepolti sessanta caduti fra il 1943 e il 1945, di tutte le armi e in prevalenza aviatori compresi elementi di truppe speciali caduti in Sardegna in operazioni di Commandos prima dell’otto settembre 1943.

Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi