Martedì 21 Maggio, aggiornato alle 7:57

Alghero è tra i primi Comuni in Sardegna ad aver costituito il Coordinamento Pedagogico Territoriale

Alghero è tra i primi Comuni in Sardegna ad aver costituito il Coordinamento Pedagogico Territoriale
Ad Alghero riunione del Coordinamento Pedagogico Territoriale a cui aderiscono quattro scuole statali, l’asilo comunale, quattro materne comunali e quattro asili privati per un totale di dodici enti scolastici, con l’obiettivo di promuovere, monitorare e valutare la qualità dei servizi educativi per i bambini dai 0 ai 6 anni.

Alghero è tra i primi Comuni in Sardegna ad aver costituito il Coordinamento Pedagogico Territoriale. Nei giorni scorsi, presso il salone di rappresentanza del Sindaco, è stato presentato alle realtà economiche e sociali della città il lavoro fin qui svolto, alla presenza del sindaco, Mario Conoci, dell’Assessora ai Servizi Sociali e alla Pubblica Istruzione Maria Grazia Salaris e del dirigente dott. Alessandro Alciator. Hanno aderito al Comitato Pedagogico di Alghero quattro scuole statali, l’asilo comunale, quattro materne comunali e quattro asili privati per un totale di dodici enti scolastici. L’obiettivo fondamentale è dotare la città del proprio progetto pedagogico, strumento strategico per promuovere, monitorare e valutare la qualità dei servizi educativi per i bambini dai 0 ai 6 anni. A coordinare la realizzazione del progetto è stata chiamata la Fondazione “Infinitopuntozero”. A distanza di un anno dall’istituzione, il Coordinamento Pedagogico di Alghero ha fatto il punto alla presenza non solo dei rappresentanti dell’amministrazione ma anche di rappresentanti di sindacati e associazioni di categoria, numerosi imprenditori, rappresentanti di enti del terzo settore e di alcuni enti di rilevante importanza per Alghero, come il Consorzio industriale e Porto Conte Ricerche. Erano presenti tutti i rappresentanti delle scuole della città, le assolute protagoniste nella realizzazione del progetto pedagogico. Queste realtà avvieranno ora la seconda fase dei lavori attraverso percorsi formativi di qualità per tutte le insegnanti del territorio e il coinvolgimento delle famiglie e di tutti gli enti che lavorano con la prima infanzia, affinché l’intera città sia coinvolta nel progetto. «L’obiettivo è ambizioso: far diventare Alghero luogo di riferimento nazionale per la cultura dell’infanzia e realizzare un festival internazionale di pedagogia che possa attrarre visitatori da tutta Italia – afferma l’assessora Salaris. Anche perché un buon amministratore deve guardare non di anno in anno ma deve pensare di programmare a medio e lungo termine per le nuove e future generazioni».


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi