Martedì 21 Maggio, aggiornato alle 7:57

VIDEO – Fertilia ha il suo Gonfalone, lo ha realizzato l’artista Sergio Zidda. Esordio per San Marco?

VIDEO – Fertilia ha il suo Gonfalone, lo ha realizzato l’artista Sergio Zidda. Esordio per San Marco?

Fertilia ha il suo Gonfalone, pronto all’esordio, nuovo fiammante.
Era stato realizzato da Sergio Zidda nel 1980, allora era un componente del comitato di quartiere ora lo ha ripreso rimodulato e realizzato nelle grandezze naturali. ll gonfalone ha forma rettangolare e appeso per un lato minore ad un’asta orizzontale, a sua volta incrociata con una verticale, che andrà  sostenuta da chi porterà il gonfalone.
L’artista poliedrico Sergio Zidda ci ospita nella sua bottega, un’autentica miniera d’arte che si respira a pieni polmoni, dove il profumo dell’acrilico supera di gran lunga  ogni altro, qua e là bozzetti, quadri, ceramiche, stature scolpite sulla trachite, statue da ristrutturare,  un caos bellissimo quasi ordinato.
Ci mostra il suo lavoro, l’ultimo in ordine di tempo, è il Gonfalone, quello che d’ora in poi rappresenterà la Borgata di Fertilia nelle sfilate e cortei istituzionalmente riconosciuti.
Una ricostruzione prevalentemente geografica, dalla rappresentazione descrittiva.
Rappresenta Fertilia, ubicata nel nord-ovest della Sardegna, di sotto i Quattro mori,  il leone suo simbolo, la rosa dei venti, che indica il punto geografico a nordovest . Tutto intorno il blu, ovvero il mare.  In alto campeggia il colore giallo rosso ad indicare i colori di Alghero, che sopra sta a Fertilia, ovvero la città e la borgata. Ci sono i colori Fertilia, il giallo e il celeste, di fatto riprende i tratti e i colori della bandiera presentate a suo tempo.

Era stato realizzato più di quarant’anni fa e lo stemma di Fertilità, oggi gonfalone,  lo aveva pensato così Sergio ZIDDA. Ora potrebbe fare l’esordio ufficiale proprio in occasione delle festività di San Marco patrono di Fertilia: me lo auguro proprio afferma Sergio Zidda.

E questo gonfalone, come nacque, ce lo descrive Guerrino Bardino, che nel raccontare le vicende di questo nuovo simbolo, è raggiante. In origine era stato realizzato su un drappo, ricavato dalle tende del palcoscenico del cine-teatro dismesso. Era di colore verde – afferma Bardino – ora vederlo sistemato, in maniera elegante, e pronto al suo esordio è un po’ motivo d’orgoglio per tutti.
Ed è talmente accattivante nella sua rappresentazione che anche la Presidente del CCN di Fertilia Anna Sigurani, ha chiesto di poterlo usare come logo nella carta stampata e nel formato elettronico per gli atti che si andranno a formare.
Al Gonfalone non resta che fargli prendere la luce, e la data è quella della Festa della Borgata di Fertilia, il giorno di San Marco suo Patrono

 

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi