Lunedì 27 Maggio, aggiornato alle 22:26

Tragedia nell’Aeronautica Militare, muoiono due piloti. Ad Alghero un ricordo indelebile di Marco Meneghello

Tragedia nell’Aeronautica Militare, muoiono due piloti. Ad Alghero un ricordo indelebile di Marco Meneghello

Questa mattina, nei pressi di Guidonia (RM), due velivoli U-208 del 60° Stormo sono precipitati durante una missione addestrativa.
Per cause al momento non note, i due velivoli sarebbero entrati in collisione precipitando al suolo.
I due piloti purtroppo sono deceduti nell’impatto.
Viva commozione anche ad Alghero quando è stato appreso dell’incidente. Uno dei due piloti, il Magg. Marco Meneghello si era fatto conoscere in città, stringendo amicizia con dei nostri concittadini. Uno fra questi il Vigile del Fuoco Antonio Baldino, rimasto letteralmente senza parole una volta appresa la notizia di questa tragedia che ha colpito l’Aeronautica militare e la famiglia Meneghello.
Un uomo fantastico con il quale abbiamo trascorso ore indimenticabili. Sono senza parole – ci confida il Vigile del Fuoco algherese – in queste circostanze le parole non hanno senso, perché tutte sarebbero inadeguate. Ad Alghero ha trovato amici veri, persone con le quali ha condiviso anche serate conviviali con le reciproche famiglie. Ed è per questo che chi l’ha conosciuto, in questo momento lo ringrazia pubblicamente per quanto ha fatto nella nostra città nell’organizzare manifestazioni ed eventi di grandissima portata, per tutti indimenticabili. Questo lutto proprio non ci voleva, una tragedia che ci coglie di sorpresa e ci lascia attoniti.

Sul post dell’Aeronautica Militare si legge – Giuseppe e Marco, vogliamo ricordarvi così, con i vostri volti sorridenti, appassionati del volo ed entusiasti del vostro lavoro.
Avete trasmesso i valori dell’#AeronauticaMilitare a migliaia di giovani in tutta Italia che oggi sicuramente avranno un pensiero per voi.
Ancora una volta, la nostra grande famiglia è costretta a fare i conti con un devastante dolore che ha profondamente scosso tutti noi.
Giuseppe e Marco non erano solo nostri colleghi, erano nostri fratelli.
Due piloti del 60° Stormo di Guidonia rimasti vittime di un tragico incidente aereo mentre erano ai comandi dei loro velivoli U-208, nel corso di una missione addestrativa nelle vicinanze dell’aeroporto.
Il T. Col. Giuseppe Cipriano era nato a Taranto nel 1975 e il Magg. Marco Meneghello a Legnago (Vr) nel 1977; entrambi erano istruttori di volo con un’esperienza di migliaia di ore/volo e hanno perso la vita facendo il loro lavoro al servizio del Paese.
Il Capo di Stato Maggiore, Generale di Squadra Aerea Luca Goretti, a nome di tutta l’Aeronautica Militare, si stringe in un profondo segno di vicinanza e cordoglio alle famiglie dei due piloti.
Anche per onorare la loro memoria, la Forza Armata continua a operare con impegno, ogni giorno e senza sosta, per la Difesa della Patria, affinché il sacrificio dei nostri fratelli non sia vano.
Ciao Giuseppe, Ciao Marco… volerete per sempre in ala con noi –


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi