Martedì 23 Luglio, aggiornato alle 17:18

VIDEO – Il Carnevale di Tempio è un grande evento preparato nel dettaglio. Sindaco Addis e Assessore Biancareddu: “genera un grande ritorno di economia”

VIDEO – Il Carnevale di Tempio è un grande evento preparato nel dettaglio. Sindaco Addis e Assessore Biancareddu: “genera un grande ritorno di economia”

Ieri nel corso di una conferenza stampa nella Sala di Rappresentanza del Comune di Tempio Pausania, è stato presentato il Carnevale allegorico di Tempio unico nel suo genere in Sardegna. E’ tutto pronto per regalare alla comunità, ai turisti,  al pubblico che seguirà anche le dirette televisive una edizione del carnevale 2023  che si preannuncia strepitosa. Una impeccabile conferenza stampa,  guidata dalla giornalista Maria Pintore ha regalato in anteprima ai presenti nella sala di rappresentanza, sia il programma con le novità previste,  sia momenti goliardici, che di fatto anticipano quello che il direttore artistico Alessandro Achenza ha in serbo di regalare nel corso dell’evento.

L’intervista al sindaco di Tempio Gianni ADDIS, all’assessore alla cultura della regione Sardegna Andrea Biancareddu, all’assessora al turismo sport del Comune di Tempio Elizabeth Vargiu, per capire meglio il significato di un carnevale, che, ormai ha rotto ampiamente i confini locali, regionali e si propone a livello nazionale ed europeo con progetti che riguardano il riconoscimento nel patrimonio immateriale dell’UNESCO, per una grande  manifestazione che è uscita dai confini prettamente locali.

L’orgoglio di chi programma un evento con un budget che si aggira intorno ai 250.000 €, garantendo un ritorno per la collettività calcolato nelle sette giornate complessive dell’evento  che supera abbondantemente i 2 milioni di euro. E la domanda da noi posta all’assessore alla cultura Andrea Biancareddu va proprio in questa direzione.

La regione contribuisce alla promozione degli eventi in Sardegna a condizione che questi generino economie e ritorni per la collettività quantificabili. L’Assessore Biancareddu non esita ad affermare che il ritorno per il territorio supera abbondantemente le 10 volte l’investimento, e lo sforzo profuso dalla regione, non prima di aver detto che il Comune di Tempio si accolla gli oneri ben oltre il 60%, evitando di mettere nel conto i contributi di tantissimi cittadini, dei cartapestai, dei gruppi mascherati che  sono una colonna portante dell’evento e lo fanno a titolo gratuito.

Sulla stessa linea l’assessore al turismo del Comune di Tempio che ci parla dei progetti futuri che riguardano il Carnevale di Tempio e il percorso lungo e articolato che si sta predisponendo per il suo riconoscimento di patrimonio immateriale dell’UNESCO.

Elizabeth Vargiu dimostra la sua grande competenza e la sua capacità di trasmettere concetti fondamentali, sebbene trattando di un argomento che facilmente si presta ad altre interpretazioni. E’ il metro che ci restituisce il carnevale di Tempio non finalizzato alla sola attività ludica, di divertimento, ma è una complessa macchina organizzativa dove tantissimi attori partecipano alla realizzazione di un evento che deve portare a Tempio e al suo territorio riscontri in termini soprattutto d’immagine ed economici per chi opera nel settore della ristorazione, della ricezione, e delle attività economiche in genere.

Tempio ha il suo Carnevale, il carnevale di Sardegna, ed è cultura, spettacolo, rappresentazione, dove gli amministratori e gli altri attori in scena, lavorano per un intero anno perché tutto sia programmato  nel migliore dei modi senza sbavature.

Il Carnevale di Tempio è colore, fantasia, allegria, e piacere di allegorie talvolta pungenti ironiche ma facilmente riconoscibili. Un evento che ha oltrepassato i confini cittadini e coinvolge migliaia di persone che arrivano in Gallura da ogni luogo.

Si spera solo che il freddo pungente almeno in quell’occasione, anche se tipico della Gallura e di Tempio si facciano meno rigidi e consentano a tutti i sardi e non, di godere di uno spettacolo che si annuncia quest’anno davvero strepitoso.

E che il clima a Tempio sia la variabile indipendente lo si è saggiato ieri, con pioggerellina fastidiosa e freddo pungente. Ma è il bello di Tempio, il suo proverbiale fresco, è un po quello che rigenera anche lo spirito.

 


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi