Domenica 26 Maggio, aggiornato alle 15:17

VIDEO – Accordo Parco AMP piccola pesca, Mariano Mariani: un grande risultato ottenuto grazie al contributo di tanti, ha vinto la responsabilità e l’equilibrio

VIDEO – Accordo Parco AMP piccola pesca, Mariano Mariani: un grande risultato ottenuto grazie al contributo di tanti, ha vinto la responsabilità e l’equilibrio

 

Ieri sera nella sala conferenze del Quarter,  nel corso della riunione della Quinta Commissione Presieduta da Cristian Mulas è stato presentato il documento sottoscritto da Parco di Porto Conte Ente Gestore AMP, e i rappresentanti della piccola pesca di Alghero, Banchina Millelire e Comitato Cigarellu. L’obiettivo centrale è l’intesa e la condivisione di una serie di misure gestionali operative legate alle specificità dell’area Marina Protetta e ai conseguenti reciproci impegni finalizzati a creare le condizioni utili alla tutela e salvaguardia degli stock ittici, garantendo la capacità produttiva e la tutela delle risorse quale condizione necessaria per l’esercizio di una pesca sostenibile all’interno dell’ area marina protetta.

Si è evidenziato che è stato realizzato un grosso sforzo al fine di includere le proposte avanzate dalla maggior parte degli operatori della pesca locale, rispetto alle ordinarie regole che disciplinano le attività in tutte le aree marine protette d’Italia e che sono imposte dal ministero competente nei rispettivi regolamenti degli stessi, e comunque gli accordi presuppongono sempre l’approvazione del Ministro competente.

La pesca con le nasse, calendario dell’attività di pesca 2023 2024, è consentita nella Baia Di Porto Conte dal 1 Marzo al 31 Agosto rimane consentito tutto l’anno nelle altre aree dell’area Marina Protetta. E’ consentita tutto l’anno l’attività di pesca con reti da posta, palamiti, fiocina.

Nell’intervista che di seguito vi proponiamo, il direttore del Parco Regionale Di Porto Conte dell’area Marina Protetta  Capo Caccia Isola Piana, Mariano Mariani specifica in maniera esaustiva in che cosa consista l’accordo sottoscritto, nonché le criticità rilevate, un  punto di partenza importante nei rapporti fra lavoratori nel mare, e gestori delle aree marine protette.

E’ un Risultato importante – afferma il direttore –  perché tanti si sono spesi, l’Area Marina Protetta ha fatto il suo dovere,  la sua parte , sono intervenute le istituzioni, gli stessi operatori della pesca hanno dato dimostrazione di responsabilità e di equilibrio, comprendendo le ragioni dell’Area Marina,  come l’Area Marina ha compreso le istanze dei pescatori. Sottolinea il Direttore Mariani persino ruolo importante della stampa locale,  che ha portato  all’attenzione di tutta la comunità, un problema serio che riguarda un’ attività importante per questo territorio. Le Istituzioni, in particolare il consiglio regionale ha riconosciuto che la dove, per esigenze di tutela, si deve in qualche modo sacrificare l’attività economica produttiva di pesca, è necessario che questa possa essere ristorate, con attività complementari attive  che consente al pescatore di avere forme di reddito alternative a quella della pesca.


Condividi:


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi